domenica 12 settembre 2010

FINALMENTE LA SARDEGNA - RISO THAI CON TROTA SALMONATA, OLIVE NERE E FINOCCHIO SELVATICO

Finalmente sono arrivati i giorni delle vacanze. L'ansia e la stanchezza si sono fuse negli ultimi giorni prima di partire. Era il 31 di Agosto e le valige hanno riempito il baule non solo di vestiti ma anche di aspettative. La Sardegna era già una mia conoscenza, le sue acque trasparenti scorrevano nella mia memoria ma Sabrina era piena di scetticismo, dopo la Sicilia di cui si è perdutamente innamorata la scorsa estate, pensava che nessun altro luogo potesse farle provare emozioni così forti e questo pensiero se lo è portato dietro per tutto il tragitto, per tutto il verde delle colline toscane, per il lungo mare dell'Argentario e per le coste laziali fino a Civitavecchia. "Ma mi piacerà la Sardegna?" era il refrain che mi ripeteva spesso, fino a farmi quasi arrabbiare, fino a farmi maledire la mia scelta. Sì, è stata una mia scelta, anche dettata da motivi economici dato che il luogo dove fare il nostro punto d'appoggio costava veramente poco. Ho "odiato" me stesso, l'isola, la destinazione, il tratto di mare, la nave su cui eravamo. Sensazione di soffocamento per una responsabilità che mi sono preso anche sapendo che l'isola su cui eravamo diretti non mi avrebbe tradito, certo di una scelta meditata anche, con piacere, dalla necessità di coniugare spesa e località speciali, ricche di fascino e pregne di quel selvaggio che ti riempie occhi e anima. Speravo fortemente che, una volta a destinazione, gli occhi di Sabrina si accendessero di entusiasmo.
Civitavecchia ed il suo porto sono la prima tappa.
Il traghetto è già lì, con la bocca spalancata pronto ad accoglierci nel suo grande ventre.Sabrina, nonostante sia una donna di mare sente già la nausea ancor prima di salirvi. Ce ne stiamo parcheggiati tra due enormi palazzi galleggianti da almeno un paio d’ore. Conosciamo ormai ogni finestrino, ogni oblò, ogni boccaporto ed ogni metro dell’asfalto del parcheggio.
Le ombre sul molo si allungano ed è il momento in cui Sabrina indosserà i due nuovi "gioielli" che poi accuratamente celerà sotto gli altri monili che porta al polso. Braccialetti antinausea.
Iniziano ad accendersi i fari del molo e l'enorme albergo sull'acqua è pronto ad accoglierci. Saliamo le rumorose rampe fino al ponte 6 lato sinistro o almeno è quello che c'è scritto sul bigliettino che ci rilascia lo steward che ci accoglie appena scesi dall'auto. Sabrina si avvolge a me alla ricerca di quella sicurezza che so di darle o quanto meno spero di farle sentire fin nel profondo del suo cuore. Saliamo le scale fino a quella che sembra la reception di un albergo di....diciamo di lusso. Ci assegnano la stanza, ponte 9 stanza 146. La cabina non è certo di lusso, quattro brande di cui due chiuse, ma ci sono il bagno e doccia.
La nave è ancora all'ancora ed allora approfittiamo per farne un completo tour. Il bar con tanto di pista da ballo dove un intrattenitore sembra improvvisare uno spettacolo, il casinò (quattro slotmachine e nient'altro), la sala tv, il winebar, il selfservice, il ristorante alla carta e i ponti esterni da cui vedere Civitavecchia illuminata ed il colore nero notte del mare aperto.Il fumo delle ciminiere aumenta di intensità. Un piccolo rimorchiatore si avvicina ed iniziano le manovre per la partenza. Sabrina si meraviglia di come possa una così piccola imbarcazione riuscire a muovere una nave così grande. La sua dolce ingenuità mi addolcisce così come quando mi chiede come sia possibile che una cosa così grande galleggi. Sabrina ama il mare, ma non ama viaggiare sul mare, lei preferisce il cielo forse perchè una nave in qualche modo la limita, mentre, anche se è angusto lo spazio dei seggiolini di un aereo, dai suoi oblò il cielo è infinito e libero da vincoli terreni. Secondo me si sente leggera, aerea, priva di corpo, come un angelo. Angel così come la chiamava dolcemente il suo David e come piacerebbe tantissimo chiamarla anche a me se non fosse che sono così gelosamente stupido.
Le prime onde le risvegliano la nausea così torniamo in cabina. Ci stendiamo sui lettini, ma le brande sono lontane e non riesco ad abbracciarla, provo allora ad allungarle la mia mano, cercando di trasmetterle un po' della mia serenità, scoprendo poi al mattino di non esserci riuscito. Sabrina non ha quasi chiuso occhio per via del dondolio continuo della nave e della nausea che non le ha dato tregua. Per questo la mia mattina non è una bella mattina ma lei ancora non lo sa.
Finalmente in strada, finalmente l'alba, finalmente Sardegna.
Olbia per questo oggi è solo porto e asfalto. In fila come tante formichine con gli occhi illuminati, la coda di auto inizia la sua salita verso il nord.
La luce dell'alba inizia a segnare il cielo e a dare colore ai contorni delle cose. Alla prima deviazione con un nome che conosco, svolto. Voglio una foto dell'alba sul mare. In tutta la mia vita non sono mai riuscito a scattarne una.
La Costa Smeralda è la cosa più lontana che c'è dal mio piacere di mare. Zona troppo sopravvalutata, luoghi presi d'assalto più che per il mare dai riflessi smeraldi è l'oasi di caccia del VIP (very inutil person). Posti dove l'architettura ha violentato la natura, case, palazzi e alberghi che spezzano la continuità della costa con i simboli del falso e del business per rotocalchi di gossip. Sabrina è come me, ma dà troppa enfasi al suo dispiacere nel vedere i luoghi tanto amati dal suo fratello "piccolo", deturpati da così tanta barbarie estetica. Tutte case simili, tutte così false e stereotipate. "Dov'è la poesia?" mi chiede? Non le piace Porto Cervo, non le piace questo luogo. La natura violentata dalla mano dell'uomo, nell'insieme le sembra un plastico, così dice, non le sembra un luogo reale, ma solo un orribile plastico. Non scatta nemmeno una foto, del mare sembra non accorgersi nemmeno e questo la dice lunga.
Usciamo da quei labirinti ancora una volta discutendo circa le nostre sensazioni. Non riesco a mettere il tappo alla sua delusione per quei luoghi, non riesco a farla uscire da quella sua convinzione che se quelli sono i luoghi belli della Sardegna, il biglietto da visita dell'Isola, chissà come sono gli altri.
OK! Mi ripeto. Lo so che la Sardegna non è quei luoghi, sono certo che se riuscirò a farle vedere il suo vero lato selvaggio, le sue acque verdi, i suoi piccoli golfi nascosti....... so che il pane di Sabrina è l'intensità delle cose, so che ha bisogno di spogliarle, di penetrarle, so che si infiammerà, piano piano magari.
Superiamo Arzachena dove spero di farle vedere "Il Fungo" ma a quanto pare non è giornata, non lo riesco a trovare, così mangiando l'asfalto arriviamo a Palau dove ci fermiamo per un caffé e per una passeggiata mano nella mano, poi via per la costa nord.
Pian piano si compie l'incantesimo che tanto aspettavo, gli occhi di Sabrina si illuminano e si riempiono delle sfumature della terra che stiamo attraversando, rivedo in lei quei bagliori che sanno fare il giorno intorno anche a mezzanotte.
Un grido di Sabrina mi fa quasi inchiodare l'auto all'asfalto. Un lunghissimo rettilineo fra un bosco di pini marittimi ha un pertugio, una strada di polvere. "Luca, il mare!".
Lo ha detto in un modo così intenso e piacevolmente entusiastico come se lo vedesse per la prima volta. Inverto la marcia e mi infilo su quella strada di polvere fino a raggiungerne la costa.Il nome della spiaggia lo abbiamo lasciato scritto chissà dove, forse su quella insenatura, tra la ghiaia fine di quella spiaggia. Ancora vestiti e con i costumi da mare ben chiusi dentro le valige andiamo comunque a mettere le "zampette" a bagno. Sabrina ha ritrovato il piacere, ha finalmente preso coscienza di cos'è la Sardegna.
Oltrepassiamo la Costa Paradiso per far sosta a Isola Rossa, ma dov'è finita Sabrina? Finalmente la vedo, si è seduta su uno scoglio, il sole le piove addosso, la raggiungo e restiamo un po' appollaiati sulla nuda roccia, vicini vicini. Davanti a noi l'orizzonte e ancora tanti chilometri di strada per arrivare nella nostra casetta. Fa così caldo che ci vuole una birra fresca per me e un cappuccino per Sabrina, poi un toast, poi due passi per il paese, un salto in pescheria, così per curiosare. "Andiamo a vedere i pesci!" dice Sabrina e in un balzo è già dentro il negozietto. "Guarda quei gamberoni come sono grossi!" mi dice con quell'entusiasmo che ben conosco. Mezzora dopo, mentre siamo in viaggio, Sabrina pensa ancora ai gamberoni.Stintino è l'ultima tappa del tardo pomeriggio. Paese deserto con tutto chiuso.
La Pelosa non la vedremo oggi. Aspetteremo, disegnandocela nella mente.

LA SARDEGNA E LA VACANZA CONTINUANO.






RISO THAI CON TROTA SALMONATA, OLIVE NERE E FINOCCHIO SELVATICO


Ingredienti:

230 gr di filetto di trota salmonata (che taglieremo a cubetti)
5 pomodorini Piccadilly
una manciata di olive nere
150 gr di funghi pioppini
100 gr di formaggio Montasio
aglio
santoreggia
finocchio selvatico
un bicchierino di Brandy
sale e pepe
olio extravergine d'oliva
50 gr di riso Thai integrale
80 gr di riso Thai rosso
70 gr di riso Thai bianco
50 gr di grano saraceno


In una padella capiente facciamo rosolare in un filo d'olio extravergine d'oliva, uno spicchio d'aglio, al quale andremo ad aggiungere la trota salmonata. Facciamo saltare per qualche minuto fino a doratura, poi aggiungiamo i pomodorini tagliati in quattro parti, i funghi e le olive. A fiamma media lasciamo che il tutto si rosoli per bene, a questo punto regoliamo di sale e di pepe, aggiungiamo la santoreggia e il finocchio selvatico e per finire versiamo il Brandy. Lo lasciamo sfumare e togliamo la padella dal fuoco.
In una pentola nel frattempo abbiamo messo a bollire l'acqua, una volta salata ci versiamo il riso ed il grano e facciamo cuocere. Scoliamo e lasciamo intiepidire. Sistemiamo il riso in una ciotola e uniamo il condimento, completando con i cubetti di formaggio Montasio.
Noi l'abbiamo mangiato tiepido, ma troviamo che sia ottimo anche freddo. E' un piatto delicato che abbiamo trovato buonissimo, soprattutto grazie all'aggiunta del finocchio selvatico che gli conferisce quella fragranza davvero speciale.


THAI RICE WITH SALMON TROUT, OLIVES AND FENNEL

Ingredients:

230 g salmon trout fillet ( cut into small cubes)
5 cherry-tomatoes (cut in half)
1 cup black olives
150 g honey mushrooms
100 g Montasio cheese (or Cheddar cheese) (cut into small cubes)
extravirgin olive oil
1 clove garlic
salt and pepper to taste
fennel
Brandy
70 g Thai rice
50 g Thai integral rice
80 g Thai red rice
50 g whole grain buckwheat (but any whole grain will do)


Heat extravirgin olive oil in a frying pan, add the garlic and when it begins to crackle add the trout and sautee gently on medium heat until a light gold colour. Add the olives, cherry tomatoes and the mushrooms and cook for a few minutes. Then complete with fennel and salt and pepper to taste. Pour in the Brandy, sautee gently, and when it has evaporated you can remove from heat. Taste and add a pinch of pepper and salt if necessary.
Bring a pot of salted water to the boil, cook the grains, drain and let them cool. Place in a bowl, add the sauce, complete with the cheese and mix well. Serve immediately.

36 commenti:

  1. tesori io sono stata 2 volte in sardegna ed ho ancora gli occhi persi in quel mare spettacolare e turchese a tratti ancora selvaggio e di quella natura straordinaria che ti avvolge!!la sardegna e tutta da scoprire magari dietro ad una curva ti appare un mare meraviglioso che sembra avvolgerti di passione e sono sicura che sabrina sarà stata ben felice della tua scelta....questo piatto di riso mare e monti mi fa impazzire deve essere paradisiaco!!baciioni imma

    RispondiElimina
  2. Ciao Ragazzi! Ma che belle immagini di questa vacanza! Eh si, ci hanno detto spesso che la Sardegna è stupenda, ma non ci siamoancora state...
    Particolarissimo questo riso! Quanti tipi diversi di thai e tanto pesce...si si, approviamo in pieno la scelta. Ma del resto abbiamo capito tutti e quattro di avere gli stessi gusti eh?!
    Un bacione

    RispondiElimina
  3. Non sono mai stata in Sardegna. Leggero con piacere il vostro resoconto di viaggio, per intanto mi tuffo in questo vostro riso, che mi pare una vera delizia. Un abbraccio

    RispondiElimina
  4. non sono mai stata in sardegna.....ne ho sempre sentito parlare con entusiasmo e le foto che avete scattato lo dimostrano.....un baciottolo
    Annamaria

    RispondiElimina
  5. io sono stata in Sardegna quando avevo 16 anni, ospite di mio zio, eravamo a Carloforte, ne ho un ricordo stupendo, mare caraibico e spiagge selvagge ... non lo dimenticherò mai, so che anche se ci ritornassi adesso non sarebbe la stessa cosa!
    sono senza parole per la ricetta!!! un unione di sapori da urlo!
    vi abbraccio
    dida

    RispondiElimina
  6. Povera Sabry, deve essersela vista brutta inizialmente...ma ora è stata ripagata, grazie a te Luca e alle bellezze della Sardegna.
    Buon proseguimento con un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. Finalmente dopo tanto aspettare siete stati premiati!sono certa che stiate passando delle stupende vacanze !E già vedo nelle foto sorrisi riposati e gioia di fronte alle mille sorprese di questa bellissima terra!un abbraccio

    RispondiElimina
  8. Sabry, non hai mai provato con il cerottino Transcop da mettere dietro l'orecchio, per la nausea?
    Anch'io ne soffro, nave, aereo o auto su cui si tratti di viaggiare, e ti garantisco che funziona!
    Comunque non vedevo l'ora di leggere il racconto e guardare le foto della vostra vacanza, sara' che dopo l'ultimo commento che mi avete lasciato e' tornato il caldo anche qui al nord, ma mi sono convinta che voi due mi portate bene!!!
    Non sono mai stata in Sardegna, ma come per altre localita', apprezzo senza ombra di dubbio l'aspetto selvaggio di un luogo di villeggiatura piu' che il suo cuore turistico; non posso che pensare ai miei viaggi sul Mar Rosso e a come,nel corso degli anni, in nome dell'economia, km di spiagge vergini siano state brutalmente sacrificate per edificare megahotel dall'aspetto che rovina completamente il paesaggio...
    In attesa delle prossime puntate, auguro buon compleanno a Sabrina, e come promesso, il dolce per te e' pronto sul blog!!!
    Ho anche fatto un piccolo furto, quindi avete tutto il diritto di maltrattarmi!!!
    Un abbraccio.
    Dona

    RispondiElimina
  9. Bentornati allora, io sogno la Sardegna, sono stata in Corsica ma mi hanno detto essere diversa, comunque credo che sarei ammaliata dall'azzurro di quel mare e potrei rimanere lì, su quello scoglio ad aiutare quel signore a cuocere il pesce....un abbraccio fortissimo e.."ripartite" alla grande ;-)

    RispondiElimina
  10. Benritrovati!
    La Sardegna, quella vera e non quella dei VIP, ti rapisce, ammalia, incanta.Condivido la vostra opinione su quell'angolo di paradiso, nulla da dire.Complimenti per le foto stupende,e questo riso favoloso!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  11. In Sardegna son stata ben 3 anni..s emrpe nella costa nord.. Sintino... santa teresa di gallura.. li tengos emrpe nel mio cuore!!!1 Eh si che son posti meravigliosi.. il mare è uno spettacolo!! Godetevela!!!!Ottimo anche il vostro risotto... :-))) baci e buon lunedì

    RispondiElimina
  12. Che luogo incantevole e suggestivo! Complimenti per le vostre meravigliose immagini e per questo gustosissimo riso!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  13. ciao ragazzi, vi leggo e continuo a non scrivere però. Bella vacanza e belli voi due.
    baci Caty2

    RispondiElimina
  14. non ci sono mai stata in Sardegna, sarebbe una bella tappa davvero e poi le vostre foto, come al solito, fanno sognare!
    un abbraccio e buona settimana.

    RispondiElimina
  15. io per non stare male in mare devo stare fuori sulla nave...all'aria...nel vento sotto il sole o sotto l'acqua con tutto il sale appiccicato...vorrei davvero fare un giro in Sardegna ma per ora lo faccio con le vostre foto un bacione

    RispondiElimina
  16. Per fortuna non soffro il mal di mare ma in Saedegna ci sono andata in aereo...
    Belle le immagini che avete allegate..siete radiosi e bellissimi!
    E' la Sardegna che vi ispira questo piatto favoloso??
    Baci e tanti!!

    RispondiElimina
  17. Anch'io come Sabrina sono innamorata della Sicilia, e anch'io ho sempre pensato che la Sardegna non mi sarebbe piaciuta così tanto. E quast'idea mi accompagna ancora. So che se ci andassi cambierei opinione, so che rimarrei estasiata dal colore del suo mare e dai colori della terra. Ma chissà perchè talvolta ci fissiamo con dei pensieri....
    So che un giorno sicuramente anch'io dovrò ricredermi. Prima o poi succederà, prima o poi ci andrò...
    Bellissime foto, bellissimi posti....
    Buona continuazione ragazzi. Ottima ricetta come sempre, raffinata e particolare.
    Un abbraccio e a presto

    RispondiElimina
  18. Beh, la Sardegna è favolosa. Anche io non amo i luoghi sovraffollati, le località vip, ma ci sono degli angoli veramente incantevoli, pressochè sconosciuti...se posso ci vado ogni anno per scoprirne sempre di nuovi
    Ottimo il vostri piattino!
    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  19. wow la trota salmonata!
    ... ma mi manca più la sardegna ... ma solo perché non ci sono mai stata ... eheheheheheh ... devo programmarci una gitarella... magari non troppo breve ;-)
    io invece non lo so come si metterà la mia mini vacanza in sicilia poiché lo stretto di messina è chiuso a causa degli scioperi dei precari ... che hanno tutte le ragioni di questo mondo (sono con loro) ... ma non so se la loro protesta potrà modificare la situazione.... ai quartieri alti del potere, se ne fregano ...
    incrocio le dita !!!
    i traghetti non sono il massimo e la nausea può dipendere anche dal mare, se è troppo agitato.... certo la sensazione di soffocamento la ricordo anche perché, nella zona parcheggio, si crea qiuell'effetto per tutti i mezzi che ci sono saliti ... bisogna salire sopra per riuscire a respirare atia pulita ;-)
    anche a me per arrivare in sicilia toccherà quella penitenza ;-)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  20. grazie Sabry!
    che onore sapere di essere quella che ti consiglia nella scelta dei libri!!!

    RispondiElimina
  21. Sempre dolcissimi e romantici ragazzi! Divertitevi e godetevela tutta perchè la Sardegna é per me l'isola magica ;D. Non conosco ancora la Sicilia però! Ricetta ottima e foto bellissime!;D Un bacio e a presto!

    RispondiElimina
  22. Grazie del passaggio da me;
    divertitevi e rilassatevi ...la Sardegna è splendida (anche se ne conosco solo una piccola parte al nord)e il mare in settembre è una goduria!
    Grazie per le vs.parole, oggi qua a Bo c'è il sole , ma le cose andrebbero meglio se Sant stesse bene ( ha una flebite!)...comunque speriamo vada tutto bene e guarisca presto..
    Bacioni , e mettete altre foto così possiamo sognare!;DD
    ciao
    valverde

    RispondiElimina
  23. io amo la sardegna, sono anche fortunata per la vicinanza, ma e'sempre bello e nuovo perdersi in quel mare e quei colori :)

    RispondiElimina
  24. Bravo Luca, mi sembrava strano che non riuscissi a stupire Sabrina, mi piace leggervi,ogni volta sembra una favola.
    Complimenti anche per la ricetta.
    Vi auguro buon divertimento e a presto.

    RispondiElimina
  25. Ciao ragazzi,vedo che la vostra vacanza procede molto bene ; sono molto contento per voi.La Sardegna offre quel lato selvaggio ,che merita veramente di essere visitato.Vi auguro un buon proseguimento,salutoni a presto

    RispondiElimina
  26. Io al posto di Luca non avrei avuto dubbi: la Sardegna si può non amare visceralmente, ma non può non piacere! Intrigante ricetta, come sempre...

    RispondiElimina
  27. Beati voi... che spettacolo! Io mi sà niente vacanze quest'anno, solo qualche giorno... pazienza... Mi consolo con la tua pasta.
    Baci Alessamdra

    RispondiElimina
  28. Anche noi quest'anno Sardegna, luoghi e spiagge non affollate e sopratutto non zone vip. La Sardegna ha altro da offire.
    La vostra ricetta è davvero golosa.
    Buona permanenza e un bacio.

    RispondiElimina
  29. Buone vacanzeee!! Amo la Sardegna con i suoi colori e i suoi profumi- godetevela tutta!
    ciao fico&uva

    RispondiElimina
  30. bellissimo il racconto e bellissime le vostre foto (come sempre del resto). Aspetto il resto del racconto/foto!!!
    ottima la vosta ricetta, che mi ha conquistato come al solito!!!
    baci

    RispondiElimina
  31. Ciao amici.Le tue foto sono meravigliose. Baci. Wonderful post.

    RispondiElimina
  32. Ciao,
    siamo una trattoria siciliana di Milano. Siamo in via Savona. Ci piace il tuo blog.
    Siamo appena partiti, ma posteremo tutto all'insegna della Sicilia: ricette, vini, racconti di città e cultura.
    Se ti va puoi seguirci.
    A presto!
    Trattoria Trinacria
    http://trattoriatrinacria.blogspot.com

    RispondiElimina
  33. A me la Costa Smeralda fa proprio rabbia. La Costa Smeralda non è Sardegna, la Costa Smeralda non esiste, è solo un cartellone pubblicitario. La vera anima dell'Isola sta tutta da un'altra parte e vi auguro di scoprirla e assaporarla appieno ;)

    RispondiElimina
  34. Ciao ragazzi eccomi a fare un salto al vostro blog! Pensavo allo scorfano con il tartufo e alla panna acida... e io ke l'ho sempre mangiato nella zuppa! .. Sabri!! ke sento!? avevi dubbi sulla Sardegna!? Ce ne sono di luoghi belli in Italia, ma il mare della Sardegna...! I colori, i profumi dei cibi, sono diversi! se annusi un pomodoro ha tutto un'altro profumo, la carne, il maialetto allo spiedo, l'odore del ginepro, dello zafferano... e ke te lo dico a fa!? se li porti a casa non hanno più lo stesso profumo..sembrano diversi, sarà ke si trovano meglio nella loro terra! e i dolci alle mandorle? e i formaggi?..i colori del mare? delle rocce? e il verde delle pinete? le case? belle, sembra di essere nel far west in certi luoghi! desolati con quelle piante di fichi d'india! ... scusa sarà che la Sardegna è la mia seconda "casa"?! ci vado da sempre ormai, anche se ci manco da tre anni.. ma i miei sono appena tornati e mi hanno portato un po' di quei profumi che ti dicevo... mi mancano molto. Godetevela! è una terra molto bella e ricca, e , la gente è molto ospitale! baci..

    RispondiElimina
  35. La Sardegna è magica e strana: ti colpisce il cuore alla prima insenatura ed alla prima lama di mare e di sole... eppure ti mancherà ancora di più, quasi fisicamente, quando sarai tornato a casa.
    Le acque di Santa Teresa, di Isola Rossa, di Stintino (la Pelosetta, soprattutto), per non parlare di quelle di Nora e di Porto Pino o Teulada o ancora di Perdasdefogu, con le scogliere rosse, o quelle dello Stagno di Cabras, con i suoi fenicotteri rosa, o.......
    Il mare ti conquista gli occhi e il cuore ma quello che veramente ti conquisterà l'animo sarà il paesaggio brullo e selvaggio dell'interno. La Sardegna la dovresti vivere tutto l'anno, che l'immagine che da di se in estate è un'illusione per turisti.
    Bello questo vostro viaggio in luoghi che conosco bene e che ho dentro di me (che sarò per sempre un fante della Brigata Sassari).... aspetto gli altri post :-D

    RispondiElimina
  36. E' incredibile come questa Sabrina qui assomigli tanto, ma TANTO a una tipa di Giulianova che si chiama Katia!!!!

    RispondiElimina

Chiunque è il benvenuto, dagli anonimi ai griffati....la porta di casa nostra è aperta a tutti, l'importante è il rispetto. Chi non ne ha sarà lasciato fuori assieme alla sua cattiva educazione!!!!
I commenti ci rendono felici.....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...