mercoledì 23 settembre 2009

RICE & SQUIDS - IL FIANCO MORBIDO DELLA SICILIA - "37 EURO E PASSA LA PAURA", ACI TREZZA E ACIREALE - CALAMARI FARCITI CON RISOTTO AL SAPORE DI MARE

Siamo tornati a Bologna e qui pare che nulla sia cambiato, tutto è rimasto uguale, a parte la polvere sui mobili e i nuovi colleghi di lavoro. Anche oggi lascio la clinica nell'ora di punta, ora che dura per buona parte della giornata. In questo momento non si può decidere nulla della propria vita, non si può fare altro che seguire il fiume delle auto, dell'ottusità.
Le automobili sono il nostro prolungamento, una seconda pelle di lamiera. Il traffico è lento, mi domando cosa ci sia laggiù in fondo che impedisce di procedere. Sono bloccata dentro un'eternità sbuffante e rassegnata ed invece ho fame di altre cose, di cose più umane, più pure. Vorrei un paio di ali per raggiungere il sole, il mare ed il fianco morbido della Sicilia.
Vorrei gli occhi ancora pieni d'incanto, anche qui, davanti ad un mondo che ha sempre fretta, preso a morsi da un'avidità senza fondo. E mentre tutto è fermo, sfilo un ricordo dalle tasche e ripenso a quei paesini addossati alla roccia, abbarbicati sul fianco forte ed incorruttibile delle montagne quasi a cercare protezione.
Ripenso ad Aci Trezza, un luogo che ci tenevo tanto a vedere, a sentire respirare, fin da quando per la prima volta, un'estate di tanti anni fa, lessi "I Malavoglia" e fui rapita da forti emozioni. Luca fa sì che il mio desiderio si realizzi, forse non è così poeticamente coinvolto quanto lo sono io, ma è curioso e all'ennesimo mio ricordargli de "I Malavoglia" innesta la marcia e mi sorride.
Usciamo da Catania e dopo diversi chilometri imbocchiamo strade scorbutiche, distese di terra secca, che rossa s'estende all'infinito, madre di fichidindia, di qualche albero d'ulivo, di melograni. Il finestrino ruba e regala immagini che cerco di catturare, di fermare agli angoli degli occhi. Scorrono i nomi dei paesi, chilometri di cielo e l'odore penetrante dell'estate e noi siamo qui, sconquassati dalle emozioni e ancora è niente perchè stiamo per scorgere all'orizzonte il mare, quello sognato ed incontaminato, quello che fa sì che s'accenda un' improvvisa e azzurra voglia d'oblio.
"Aci Trezza" recita un cartello stradale, ma ancora non basta, vogliamo entrarle nel cuore. Se di questo paese dovessi dipingere un'immagine con le sole parole, parlerei di uno scorcio spruzzato di luce, fatto da uno slargo sul mare, parlerei di un piazzale su cui si affacciano casette sobrie, e di quelle case in salita che s'inerpicano su di un colle, parlerei di un castello incastonato su di un'altura, che a me sembra un'aquila, ma soprattutto parlerei dell'odore del mare, che così forte e pungente non l'avevo mai sentito prima. E poi parlerei di un porticciolo disseminato di barche, di reti piegate e accatastate sulla sabbia e di neri ed imponenti scogli che si stagliano in mezzo al mare, guardiani di tutto quel blu.
L'aria è calda, appiccicosa, sembra che abbia voluto indossare il cappotto. Non un alito di vento.
Luca mi dice "Te lo immagini ad agosto che caldo africano potesse esserci!" ed io che avrei voluto sentire sulla pelle anche quel sole, gli sorrido e gli dico "Meno male che siamo venuti a settembre!".
Saltello da un posto all'altro, nonostante le zeppe che ho ai piedi e che sto già cominciando ad odiare. Non ne ho mai portate in vita mia e chissà cosa mi è preso quando ho deciso di comprarle, sto già meditando di dimenticare di metterle in valigia. I miei sandali sono la cosa più comoda sui quali poggiare i miei piedi, li amo.
Luca mi accenna un "Te l'avevo detto che le zeppe non fanno per te!". A viva voce non gli do ragione, ma se riesce a cogliere il messaggio silenzioso che gli sto lanciando, lo sa che lo so che ha ragione. Camminiamo sotto un sole cocente ed attraversiamo il paesino, le botteghe, la gente, i discorsi, l'odore del pesce e del pane. Lo scenario è straordinariamente bello. Ritorniamo nella piazzola perchè da qui riesco a riempirmi gli occhi d'ogni dintorno. Cerco tracce del passato, di quelle case dove un tempo famiglie molto numerose vivevano grame esistenze, scandite e regolate e decise dal sovrano assoluto, il mare. Il mare era il loro pane, coi suoi fatti e misfatti. Tra le nuove costruzioni s'intravedono case stagionate dal tempo ed uomini e donne davanti agli usci. Riesco a sentire pulsare questo paese, luogo dove il presente e il passato si fondono senza squarci, quasi che indossino lo stesso vestito, luogo sì di ulivi e melograni, ma anche di poche illusioni, di reti e di lampare, di quel pane di saggezza che giunge al sangue. Di tradizioni, di speranze ancora una volta riposte nella Provvidenza. Tutto odora di modestia e di poesia.
Lasciamo Aci Trezza con un abbraccio, uno sguardo, un sorriso ed un morso ad una mozzarella in carrozza.





Trentasette euro e passa la paura!!!
Neri scogli. Vapori bollenti di roccia fusa, non più sangue di terra che ribolle, non più energia in movimento. Ora sono scogli neri dove le voci e gli schiamazzi di chi gioca in acqua ne sono cornice. Un quadro che emana una forte energia, un' energia che solo gli occhi e nessuna tela o macchina fotografica riescono a replicare. Ho preso una strada laterale, un bivio verso il mare. Acireale, per ora lo lasciamo lì, sopra di noi. Una sola scusa, “Guarda quella lingua di terra con quel piccolo faro! Ti va se andiamo a vedere ?”.
Ho indicato a chi mi seguiva dove volevo andare ed ho spento “navigator”. Ogni tanto bisogna seguire il proprio istinto.
Cerco, con la coda dell'occhio, di rubare scorci di panorami ma le curve sono tante ed in più, quella stramaledetta Panda, è guidata da un imbranato, uno di quelli che è stato dimenticato dall'evoluzione dell'uomo.
Eccolo, lo stop! “Ora, dove andiamo?”, mi chiede quasi smarrita Sabrina. “Seguiamo la strada!” Le rispondo con un finto tono di sicurezza.
Cento metri, nemmeno, e lo spettacolo di questa Isola si ripete.
Ora vado lento, viaggio ad una velocità che sono gli stessi moscerini che cercano, inutilmente, di suicidarsi contro il parabrezza.
Roccia fusa, colate di lava che sono arrivate fin qua per immergersi in questo mare cristallo.
Il caldo e l'umido, sono quasi scioccanti quando scendiamo dall'auto.
Non ci siamo portati né i costumi né tanto meno gli asciugamani, solo la nostra voglia di immagazzinare emozioni, di sorridere, di ridere.
Questo piccolo angolo di mondo è Stazzo. Qui ho coniato una frase che Sabrina non ama molto. “Amo'! Ecco la Madonna del Carmine.......!”, ma scusatemi non vi svelerò da cosa è nata.
Il caldo non è poi tanto, ma l'afa è tremenda. “Sete, tanta sete!!!!” mi dice Sabrina. “Amo', là c'è un chioschetto...una granatina al limone?......” è la mia proposta subito accettata.
“Mi dispiace ma le granatine non le tengo....” Bermuda da lavoro, una maglietta a mezze maniche, un sorriso burbero e un paio di occhiali calati sul naso. “Ma, se è per la sete....questo non lo avete mai provato....non so se alla signora piace....” Prende un bicchiere di plastica, quello grande da bibita, apre lo scorrevole di un congelatore a pozzetto. Si arma di cucchiaio ed inizia a grattare qualche cosa. Lo mette nel bicchiere, ne soppesa la quantità e, quando decide sia quella giusta, apre il frigorifero prende ed apre una mezzolitro gassata e ne versa circa la metà nel bicchiere. Prende, come i veri barman, l'attrezzo per mescolare e poi, dallo scaffale in legno prende una bottiglia di sciroppo verde (di menta, pensiamo noi). Una sola goccia. Ancora due giri per mescolare il tutto e “Assaggiate, Signora!!!!”. “Buono! Fresco! Ottimo!” Sabrina me lo porge. Di solito, Sabrina fa così quando una cosa non è di suo pieno gusto, ma mai come questa volta, ho capito male le sue intenzioni. Lo assaggio..........Sabrina me lo ruba immediatamente dalla bocca. Non mi dà nemmeno il tempo per deglutire. “Me ne può preparare uno anche per me?” Quasi lo supplico.
Il padrone del chiosco ce lo siamo appena fatto amico. Inizia a spiegarci che, nonostante la bottiglia, lo sciroppo di menta lo fa in casa e, nemmeno supplicandolo, ci può dare la ricetta, non perché è segreta ma solo perché la sua menta è speciale, ce l'ha solo lui e, così buona cresce solo nella sua terra, nel suo “Orto”. “Ogni chilo di succo di limone spremuto, un cucchiaio di sale!!!” Inizia a mostrarci gli attrezzi con cui spreme e filtra il limone, del perché del sale “Così non si congela!” spiega. Ci mostra la differenza tra i limoni che usa per il succo e quelli che mette nelle bevande. Rigorosamente limoni della sua tenuta e, soprattutto limoni verdi “così deve essere il limone! Quando diventano gialli perdono sapore.....”. Stiamo ad ascoltarlo rapiti dalla sua passione, dal suo essersi inventato venditore di bibite. “Qualche anno fa è morta mia moglie ed io non ce la facevo da solo. Ho venduto tutto! La mia attività, trattavo tappeti pregiati. Ho chiesto ai miei figli: la volete voi? Le volete per voi queste case? Loro hanno sempre detto di no ed io i soldi li ho tutti lì per loro, per quando si sposeranno.......” La sua vita, i segreti della sua ex attività e della sua nuova, dove quando una cosa è finita non ce n'è più, se se ne vuole ancora, si deve passare il giorno dopo. Lui non lo fa per il commercio. Non è interessato al business. Ha già lavorato troppo ed il business lo ha già fatto. “Non sono capace di stare fermo!” sostiene, “Ma nemmeno mi voglio più ammazzare per il lavoro....”.
Stazzo è un porticciolo, dove piccole barche da diporto, piccole barche da pesca lo riempiono all'inverosimile. Una famiglia sta facendo il bagno in quell'acqua, dove il cartello “DIVIETO ASSOLUTO DI BALNEAZIONE” è solo una scritta sul palo piazzato ai lati del piccolo porto. Sabrina vuole andare a mettere le “zampette” in acqua ed io mi godo lo spettacolo da lontano con la macchina fotografica in mano.
L'ombra lunga delle case sta raggiungendo l'acqua ed è il momento di raggiungere Acireale.
Facciamo il bis del “gatorade” artigianale e risaliamo la collina.
Il centro storico di Acireale ci sorprende per la sua bellezza. Quasi timido il Duomo e la sua piazza ci appaiono dopo una curva.
Parcheggiamo.
“Luca non ce la faccio più!” Sabrina è sconsolata. Quei zatteroni le hanno fatto venire le vesciche alla pianta del piede. “Fino ad ora ho resistito, ma ora proprio non ce la faccio...” Erano quasi dieci minuti che camminavamo e, sono sincero, mi sono sentito spiazzato. Cerchiamo e troviamo cerotti ed un gel rinfrescante in un 99cent. Ci sediamo in piazza del Duomo e proviamo a porre un rimedio.
Il tentativo fallisce dopo circa venti metri di camminata. Sabrina zoppica ed io soffro con lei.
Acireale ha la strada principale piena di negozi, di tutti i tipi. Decine e decine di gioiellerie dove l'arte orafa è ai massimi livelli. Lavorazioni artigianali di alto pregio ma, soprattutto, di gusto e fantasia. Ogni tanto, tra una gioielleria e l'altra, negozi di tutte le marche conosciute, dalle commerciali a quelle di prestigio, con le ultime novità anch'esse messe in saldo. Negozi di scarpe con tacchi che a Bologna si vedono solo nei negozi di altissima moda. “Negozi di scarpe?!” L'occhio mi cade all'interno di uno di quelli e, anche se uso un' altra scusa per entrare, quasi ci trascino Sabrina.
“Trentasette euro e passa la paura!!!”
Ne esco anch'io con un paio di scarpe, l'occasione è stata veramente allettante.
Arriviamo alla macchina. Sabrina si siede in auto e si toglie quei tremendi e dolorosi zatteroni. Il sorriso le ritorna in viso quando indossa il nuovo paio di sandali. Ora quasi vola, mi trascina per la città, per il lungo corso a rimirar vetrine. Il dolore ai piedi è quasi scomparso per magia. “Trentasette euro e passa la paura!!!” Mi guarda e ride. La piazza alberata con il bar ed i suoi tavolini all'aperto. E' giunto il momento per una pausa rinfrescante.
Due granite al limone e due enormi paste per contorno. Sprofondiamo nelle sedie e gustiamo il sapore agre del limone che si abbraccia a quella neve soffice ghiacciata che è la granita siciliana. Stiamo lì, seduti a guardare i gruppi di ragazzi che sono già grandi nel vestire e nell'atteggiarsi. Tutti alla moda. Ragazze di dieci anni sì e no già donne nel vestire. Con la loro borsetta sottobraccio e con ancora tutta la loro infanzia da vivere. Ragazzini che sono già uomini fatti. Li senti parlare dei personaggi della TV, li vedi imitarne gli atteggiamenti che la televisione ha inculcato loro. Non hanno ancora finito la scuola Media ma già sognano in grande. Li guardiamo e li commentiamo. Li spiamo e vediamo quello che nelle nostre città, soprattutto a Bologna, ormai non c'è più. La libertà di girare per strada senza la paura che il bruto di turno salti fuori all'improvviso.
Una libertà sana, pulita, come il viso dei ragazzi e delle ragazze di questa città.
Ora è buio e Acireale si accende. Ora è il momento di ritornare a Catania. Di ritornare alla base che abbiamo scelto per visitare un piccolo angolo di questa meravigliosa Isola.




°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°



Calamari ripieni di Risotto con Seppioline, Mazzancolle e Filetto di Merluzzo



Ingredienti:

190gr di Riso
300gr di Seppioline
200gr di Mazzancolle
1 filetto di Merluzzo
1 litro di Brodo vegetale
½ bicchiere di vino bianco secco
½ Porro
2 spicchi d'Aglio tritato
Olio Extra Vergine d'Oliva
Pepe
Erba Cipollina
Maggiorana
Santoreggia
Prezzemolo Fresco
4 Calamari di media Grandezza


Nella padella, con un filo di Olio Extra Vergine d'Oliva mettiamo a soffriggere il porro tagliato a sottilissime fettine e, appena il porro prende colore, aggiungiamo l'aglio. Lasciamo cuocere per un paio di minuti e poi aggiungiamo le Seppioline (pulite) e le facciamo cuocere all'incirca 5 minuti poi, a seguire, le Mazzancolle (pulite) e per ultimo il filetto di Merluzzo tagliato a cubetti. Pochi istanti, il tempo che anche il Merluzzo prenda colore e si aggiunge il riso. Si mescola bene e si lascia ancora tostare per due o tre minuti. Si aggiunge il vino e lo si lascia evaporare. A questo punto, un po' alla volta, si aggiunge il brodo caldo.
Verso i due terzi di cottura lo insaporiamo con l'Erba Cipollina, la Maggiorana, il Prezzemolo e la Santoreggia. Terminiamo la cottura e aggiustiamo con alcune macinate di pepe.
A parte, dopo averli accuratamente puliti e lavati, scottiamo i Calamari su di una griglia ben calda, circa 5 minuti per ogni lato. Li togliamo dal fuoco e li farciamo con il risotto. Andiamo a infornare i calamari ripieni, lasciandoli cuocere a 170 gradi per circa 15 minuti. Impiattiamo e ci gustiamo questo piatto unico.


BAKED SQUIDS FILLED WITH A SEA-SCENTED RISOTTO

Ingredients:

4 medium size squids
190 g Arborio rice
200 g shrimps (fresh)
1 cod fillet
300 g cuttlefish
2 tbs extravirgin olive oil
1 clove garlic
1/2 leek
1/2 cup dry white wine
1 cup vegetable stock
chive
marjoram
parsley
black ground pepper

Bring your vegetable stock to a boiling point and have ready at stoveside. In a large skillet heat oil over low heat and sauté garlic and leek until translucent. Add cod (cut into small cubes), cuttlefish and shrimps and sauté for about 5 minutes. Add rice, stir to coat with oil and sauté to toast each grain. Once toasted add white wine slowly, stirring constantly. Once the rice has absorbed the wine, add 1 cup vegetable stock, stirring occasionally. The risotto should have a creamy texture. This whole process should take about 20 minutes.
Now you have to cook your squids on a grill for about 5 minutes on each side.
Fill the squids with this risotto and heat oven to 180 C. Bake them for about 15 minutes until cooked. Serve squids sprinkled with parsley.

51 commenti:

  1. Ciao Sabrina e Luca,
    che bei foto, la mare e cosi bello.Me pice le roccie.
    Voi stei molto belle :)
    Brad

    RispondiElimina
  2. Le tue foto sono eccellenti! Il posto è goregeous. Saluti e hugs.May li presento il mio blog di viaggio? Saluti, Felipe.

    RispondiElimina
  3. Sono Scarlett,ciao ragazzi,belle queste foto....Aci trezza,Acireale distano da casa mia un quarto d'ora di strada....d'estate piena sono tremende,poco attrezzate per accogliere i turisti al meglio ,in realta' potrebbero dare di piu'!!ma son sicura che prima o poi ci riusciranno,la gente sta cambiando,ritornate pure ogni anno migliorano sempre di piu'.Poi Settembre e' un buon periodo ma nemmeno Ottobre non e' male se pensate che l'estate da noi dura sino a questo mese,salvo imprevisti come in questo periodo,e se potete fate un week end ad ottobre a zafferana ogni domenica di ottobre si allestiscono degli stand di degustazione a tema, per tutto il mese una fiera chiamata ''OTTOBRATA zAFFERANESE''si riuniscono i migliori espositori di miele liquori,agricoltori ,pasticceri ect ect,si degustano tutte le nostre delizie....un caro abbraccio tutto catanese saluti da scarlett

    RispondiElimina
  4. Bentornati allora ragazzi, anche se nella triste e routinaria realtà!! Bacio

    RispondiElimina
  5. che posto incantevole, non sono mai stata in sicilia, bisogna rimediare! e che dire del vostro piatto..eccellente! un bacione

    RispondiElimina
  6. sempre belli i vostri racconti, ci fate sorridere e venire la voglia di prendere la strada e volare al mare , lasciando tutto e tutti ad insani progetti...vi abbraccio

    RispondiElimina
  7. ragazze miei queste foto mi riportano ad una vacanza fatta una decina di anni fa proprio ad acitrezza acireale acicastello.....che bei posti,li porto nel cuore come sicuramente anche voi...si ritorna alla vita di tutti i giorni lo so è traumatico ma come dice sempre mio marito:tra poco è natale resisti:-)(adoro il clima natalizio:-)
    bacioni grandi imma

    RispondiElimina
  8. ciao!!!con il pesce mi prendete per la gola...un piatto eccezionale..come e le foto e VOI!!!
    ciaooooooooooooooo

    RispondiElimina
  9. Ma che bel resoconto che avete fatto.. e che belle foto!!! sono posti davvero meravigliosi.. La ricetta sublime!!! bacioni.

    RispondiElimina
  10. Ciao cari,
    le foto sono bellissime, e complimenti per aver resistito tutto quel tempo sulle zeppe!!! per il piatto non ci sono parole, avete avuto un'ottima idea...
    bacio & abbraccio
    vale

    RispondiElimina
  11. Il prossimo viaggio in Sicilia lo farò qui! Questa regione è straordinariamente bella ;)
    Un bacione
    fra

    RispondiElimina
  12. Ragazzi..sapete quanto ci piace il pesce...ma qui è tutto ricchissimo e davvero preparato in modo nuovo!! ci piace questo piattino...
    bellissimi racconti di un viaggio in una terra che sembra così lontana!!
    un bacione

    RispondiElimina
  13. Bentornati! I vostri racconti sono meravigliosi e le foto poi....Sabrina tesoro le zeppe danno fastidio pure a me ma non sarei resistita mnemmeno con i sandali...io devo avere delle scarpe basse...bravissima!
    A presto ciao ciao... un abbraccio

    RispondiElimina
  14. Grazie Sabrina ancor una volta mi hai fatto rivivere l'emozione che provai visitando quei splendidi luoghi la Sicilia è spettacolare...dimenticavo ben tornata alla base...e ricetta insolita ma buona ciao Luisa

    RispondiElimina
  15. poveri piedini, la prossima volta metti sandali alla francescana!!!!!
    buon settembre di lavoro!!

    RispondiElimina
  16. Queste belle foto mostrano come la Sicilia sia davvero un angolo di paradiso.

    RispondiElimina
  17. Se davi retta a me la paura ti passava gratis: quante volte vi avevo avvertito sulle scarpe da portare, in Sicilia ? CAPOCCIONI !!!! hahahahahaha

    RispondiElimina
  18. ma guarda come siamo diversi ....io con le zeppe sto comoda ma con i tacchi assolutamente no:-) la ricettina è fantastica e l'ho copiata...è da tenere presente per natale...infatti anche voi...dalle foto si nota che l'avete mangiata a natale :-) come sempre il racconto è fantastico:-) un bacione
    Annamaria

    RispondiElimina
  19. sono sempre più convinta Sabrina che mangiare a casa tua è meglio che andare al ristorante... le tue ricette sono particolarissime e degne dei migliori chef...
    la Sicilia la adoro anche io e dalle foto e dal tuo racconto capisco che vi siee divertiti molto, problemi di scarpe a parte.... eheheh
    ti sei anche abbronzata tantissimo ed hai realizzato il sogno di vedere Aci Trezza ^____________^
    meglio di così!!!!
    il lavoro purtroppo ci tocca farlo per forza... ma i ricordi ci aiutano a sopportarlo meglio, o no?
    buon giovedì ^_______________^

    RispondiElimina
  20. Ragazzi bentornati!
    Le foto nitidissime ci mostrano alcune bellezze d' Italia!
    Sabrina, che super abbronzatura, complimenti!

    RispondiElimina
  21. Che dolci! Vi ringrazio molto, ma il pc sta bene: sono quelli della facoltà senza speranze.
    Che posti favolosi!!! Avrei tanto bisogno di farci un giretto anch'io...
    Un bacione anche a voi!

    RispondiElimina
  22. Come sempre rimango incantata dai vostri racconti e incuriosita da questa terra meravigliosa che è la Sicilia.
    Spero di riuscire a visitarla presto.
    I calamari sono tra i miei piatti preferiti e mi intriga molto questa versione.
    Adoro anche i risotti quindi con questa ricetta prendo due piccioni con una fava ^__^

    RispondiElimina
  23. non ci posso credere ero anche io lì a catania in questi giorni ad aci castello!! complimenti per la scelta della ricetta, he la sicilia non è bologna

    RispondiElimina
  24. hai detto bene Sabrina.... e per fare dell'ironia, oserei dire che gli uomini sono come le ciambelle, intatti non tutti riescono con il buco... cieè non tutti hanno un po' di cervello e di rispetto per le loro compagne...
    riteniamoci fortunate!!!
    buon weekend

    RispondiElimina
  25. Ciao, sono Andrea del blog Diego Garcia. Ho creato un nuovo blog che si chiama 'Informare è un dovere'. Il link è http://andreainforma.blogspot.com/

    Continuerò ovviamente ad usare anche Diego Garcia. Linka il mio blog nel tuo, e io farò lo stesso col tuo nel mio ovviamente. Scrivi Informare è un dovere come titolo del blog.

    Fammi sapere sul mio

    RispondiElimina
  26. effettivamente, la prima cosa che ho pensato quando ho aperto il post è stata "Ma che ci fa Sabrina con quelle scarpe???" oramai mi sembra quasi di conoscervi e ho capito al volo che non erano del suo solito tipo che indossa, poi la conferma mentre leggevo il racconto eh eh eh...ti capisco benissim, mi è capitato non più tardi di dieci giorni fa di entrare in un negozio di scarpe per rimediare ad un 'guaio' che avevo indossato di mattina...salvo poi decidere di buttare via anche quelle nuove perchè ... mi fanno più male delle altreeeee...me tapina!!!
    ragazzi grazie di cuore del vostro commento e degli auguri nel mio blog siete fantastici!!!
    aspetto con ansia la vostra ricetta per la raccolta ... contavo tanto su di voi!
    un abbraccio e buon fine settimana!
    dida

    RispondiElimina
  27. La Sicilia è fantastica,un posto che ti rimane dentro e a cui è impossimile dire no,io la visiterei ancora 1000 volte,è tutta da scoprire....
    Delizioso il vostro piatto,un'altra cosa a cui è impossibile resistere....

    RispondiElimina
  28. mi sono persa nei vostri racconti e ho ammirato le foto ... very cool :)

    grazie di aver ancora una volta condiviso la vostra vita con noi


    clelia

    RispondiElimina
  29. grazie del tour fotografico ho rivissuto la mia infanzia e i miei bagni ad aci trezza e relativo mancato annegamento x pescare i ricci di mare! ottima la bevanda,usiamo molto abbinare il limone con il sale,mangiandoli anche interi ma cosparsi di sale non ho idea del perchè molto anzi sicuramente visto le temperature sono un connubio anti sudore e sete di vit c e sale x rientigrare il sudore , le alici no si usano le sarde x più grandi x tenere meglio l'imbottitura che sono 3 x sono tre le ricette dipende dal territorio se ti serve mando o posto ricetta buon w-end

    RispondiElimina
  30. buon fine settimana:-) un bacio
    Annamaria

    RispondiElimina
  31. urca 37 euro spesi più ch ebeni..la salvezza di un girono di vacanza , di un giorno di mare...e quello stano e goloso e fresco miscuglio...in questo periodo in cui è spesso grigi e umido e l'aria anche se calda è così diversa i vostri racconti di mare mi fanno stare bene!
    Nella vita digitale Vittorino Andreoli racconta molto bene cosa rappresentano le auto e le loro corazze per noi! un bacione

    RispondiElimina
  32. Che meraviglia, fate viner fame di tutto... cibo, cultura posti...
    Ciao Alessandra

    RispondiElimina
  33. Acitrezza nel mio immaginario è un luogo d'incanto, dal passato sofferto, un luogo che racconta la storia dell'uomo e del mare, fatta di simbiosi, rispetto e povertà.
    Mi fa piacere scoprire che queste stesse emozioni ti abbiano spinta a visitarla seguendo le parole di Verga :))

    RispondiElimina
  34. bentornati cari..... la realtà è dura, ma per un po' vi rimarrà vivo il ricordo della vostra bella vacanza

    RispondiElimina
  35. Bentornati ragazzi!!!
    Un racconto che ho letto tutto d'un fiato... mi avete emozionato sembrava quasi di viverlo in primis... (compreso il dolore ai piedi... hehehehehe)... siete grandi narratori... bravissimi
    Le foto sono stupende e non parliamo poi di questi posti... magici!!!
    Insomma avete fatto proprio delle vacanze super!!!
    Mamamia che ricettina... boni i calamari farciti poi con il risottino... slurppppp!!!!
    Ciao ragazzi vi lascio un buon sabato sera e una splendida domenica... bacioni

    RispondiElimina
  36. Davvero favoloso il vostro reportage su Acitrezza, Acireale...complimenti, che dirvi siete una bella coppia. Complimenti. Sentir parlare in modo così bello e tra l'altra con un pò di malinconia, della mia Sicilia, non può che farmi immensamente piacere, spero possiate tornare presto per visitare altre località, magari Palermo e dintorni (dove vivo io)e gustarne la ricca gastronomia. Vi capisco il ritorno alla routine è sempre traumatico. Unica ancora è sicuramente pensare alla prossima avventura, e lasciarsi traspotare dall'euforia di raggiungere quel dì.....Grazie per essere passati spero di rivedervi, intanto vi aggiungo così non vi perdo di vista. Ciao a presto.

    RispondiElimina
  37. Che bello tornare a rileggervi!!!! Ogni volta è come stare lì con voi! ormai io ho imparato a girare con doppio paio di scarpe.... quelle comode pronte all'uso e quelle in cui oso zeppe e tacchi alti subito però sostituite alla fine di concerti, cene o piedi dolenti :-)
    Un abbraccio
    Laura

    RispondiElimina
  38. Ciao Sabrina & Luca.
    Quando leggevo il blog di Felipe, pensavo che una foto era di te e Luca. Ho chiedato Felipe e si che e voi e io non sono matto :)
    Il link :http://taxidiaris.blogspot.com/2009/09/world-tourism-day.html
    Bouna giornata :)
    Brad

    RispondiElimina
  39. Ciao! Era da un po' che non passavo a trovarvi! Sempre ricchi di foto i vostri post! Bentornati a Bologna!

    RispondiElimina
  40. và bene se posto ricetta di sarde a beccafico catanese - messinese? fatemi sapere buon inizio di settimana

    RispondiElimina
  41. Ci mancavate!!! ^^ Mi dispiace per voi che siate tornati da quei posti stupendi...ma per noi è meglio, così possiamo di nuovo perderci a leggervi! Un bacione, e grazie per il commento! Se il vino viene buono, una bottiglietta piccina solo per voi due ve la spediamo!!

    RispondiElimina
  42. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina
  43. Ciao Sabrina & Luca grazie per essere passati sul mio Blog.
    Molto belle le vostre foto ed anche il risotto e i calamari non sono niente male mmmmmmm mi sembra di sentirne l'odorino.
    Avete un blog davvero interessante ^__^

    Baci Casasplendente

    RispondiElimina
  44. Che bel gito che mi avete fatto fare...una vera meraviglia e ci credo che sia stato duro ritornare alla normalità....
    E anche i vostri calamari con risotto in principesca presentazione sono bellissimi!!
    baci

    RispondiElimina
  45. ho appena postato per voi sarde a beccafico a voi abbinamento vini buona giornata

    RispondiElimina
  46. buongiorno amici
    passando a salutarvi e vedendo le vostre foto inizio anche io a sognare un viaggetto in Sicilia, ma non è proprio periodo ...
    un abbraccio ^______________^

    RispondiElimina
  47. ragazzi fate venire voglia di mettersi in macchina ;)
    grazie! le vostre parole, il vostro entusiasmo accende d'amore il mio cuore che per quest'isola impazzisco
    *
    un baciuzzo dopo un'assaggio di questo piatticeddu favoloso
    *
    cla

    RispondiElimina
  48. Come vi capisco!Dopo essere stati in posti così belli...tornare a casa e soprattutto ai soliti ritmi ammetto che non è facile!
    Ottime foto!
    Ciao a presto!!!!!!!

    RispondiElimina
  49. Ciao ragazzi è stato bello questo viaggio con voi..emozioni a non finire e 2 splendidi turisti assetati:-) Siete stati fantastici nel raccontare, la ricetta l'ho già copiata.
    Un abbraccio ad entrambi e buon rientro ( anche se sono un pò in ritardo), impegnata a portare a spasso il nipotino:-))

    RispondiElimina
  50. passo per un saluto...buon week end e complimenti per il piatto gustoso!

    RispondiElimina

Chiunque è il benvenuto, dagli anonimi ai griffati....la porta di casa nostra è aperta a tutti, l'importante è il rispetto. Chi non ne ha sarà lasciato fuori assieme alla sua cattiva educazione!!!!
I commenti ci rendono felici.....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...