venerdì 5 luglio 2013

LONTANI DIECI DITA DI CHILOMETRI - ALICE GINEVRA INCONTRA ATHENA GIADA - SAUTE' DI COZZE E VONGOLE CON CROSTINI

Quella notte ci ha separati e portati altrove, disegnando quadretti a sé stanti, lontani dieci dita di chilometri. “Uno, dui, quatto, otto, deci” direbbe Alice Ginevra, allargando a dismisura le braccia, così da rendere concretamente fisica la dimensione della distanza.
Io in ospedale stringo tra le braccia un piccolo bellissimo bocciolo, miracolo di vita e di un altro milione di cose, un fagottino rosa che se ne sta raggomitolato sul mio petto respirando a lungo il mio profumo. Le mani piccole e intirizzite come l’uva passa stringono con decisione le mie dita mentre sfioro le sue labbra a cuore, di un rosa vivo, il suo viso ovale e gli occhi grandi, tendenti smaccatamente al grigioverde. Dagli angoli della bocca le scende una minuscola goccia di latte. Segue la delicata linea del suo mento e si perde sul polpastrello del mio dito.
Alice Ginevra invece si è svegliata in un altro letto, a casa della nonna, da lontano cerco di captare le sue sensazioni, si sarà guardata intorno, si sarà fatta domande e si sarà tenuta tutto dentro, avrà visto che su un angolo del divano c’è il suo bagaglio: vestiti, pannolini, creme, un pelouche e alcune note scritte a mano da me. Avrà aspettato l’ora di pranzo, certa del fatto che sarei tornata a prenderla per riportarla a casa. Avrà aspettato senza sapere che a me in quel lungo frattempo mi si annodava, contorceva lo stomaco.
Mi si appannano ancora gli occhi se penso al momento in cui le ho preparato la valigia, cercando di non dimenticare nulla, soprattutto il superfluo, cosa molto da me. Meglio abbondare è un po’ il mio motto perché nell’abbondanza c’è sicuramente posto per tutto l’essenziale del mondo. Avevo impilato magliette e pantaloncini in quantità sufficiente perché si potesse cambiare anche cinque, sei volte al giorno, pigiami lunghi e corti, felpe e maglioncini per non farci prendere in contropiede dai capricci del tempo.
Se penso poi, che le avevo preparato il ragù come piace a lei, che poi è lo stesso che mangiamo Luca ed io, inoltre il pesce e le confortanti zuppe della sera, sistemando ordinatamente in un altro borsone tutte le cose che preferisce a tavola. Solo per farle sentire la mia presenza e farle capire che sarei tornata presto.
Se penso che non l’avevo mai lasciata sola, senza di me, se non per qualche ora, lei che mi segue persino in bagno, lei che vuole tutti riuniti nella stessa stanza per renderci partecipi del suo fare e disfare, soprattutto disfare.
Due giorni passano in fretta, mi ripetevano tutti e io ci credevo solo per metà. La conosco intimamente da dentro, lei e la sua radicata, innata sensibilità.
Due giorni in cui ho cercato di immaginarla indaffarata, ora davanti al laghetto della nonna, con il retino in mano a smuovere l’acqua e con il verde fluttuante dell’erba tutta intorno, ora presa a rincorrere i vivacissimi cugini e a giocare a nascondino, ridendo a crepapelle appena avesse visto spuntare la testa bionda di uno di loro da sotto il letto o da dietro un mobile. Poi, non paga, la immaginavo sudata, a tirare fuori dalla casetta di legno biciclette, palloni, tricicli, dinosauri, pattini e giocattoli di ogni sorta. Tutta presa a sporcarsi felicemente le mani ed i piedi, a spargere calzini in giro per il giardino come se fossero coriandoli, ad aspettare l’arrivo del papà per gettargli le braccia al collo e stampargli un bacio sulle labbra.
A dieci dita di chilometri di distanza avrei voluto che mi dimettessero subito, a una manciata di ore dal parto. Avevo in qualche modo recuperato tutte le mie energie e complice questo e il fatto che non provassi alcun dolore, né limitazioni di sorta, sono stata sul punto di firmare perché mi mandassero a casa subito. Luca mi aveva informata che Alice Ginevra, la notte che siamo corsi in ospedale, si era svegliata dopo poco cercandomi e piangendo tanto fino a vomitare. Che il giorno dopo non aveva mangiato nulla, che appena aveva visto rientrare il papà aveva chiesto di me ed era scoppiata a piangere correndo via. E la notte successiva era stato l’ennesimo calvario, lei non riusciva a prendere sonno e se ne stava inebetita e singhiozzante sul divano.
Ma Luca è riuscito a tranquillizzarla e a farla addormentare, quella sera l’aveva convinta a sedersi anche a tavola tentandola con una pizza e portandola alla festa del paese, la sera successiva. Passandomela al telefono un attimo perché potessi farle sentire la mia voce “Ciao amore mio” e lei dall’altra parte “Maaammaaa!” e questo mi è bastato per farmi scendere tante di quelle lacrime da non riuscire ad aggiungere altro. La voce rotta dalle lacrime ingoiate in silenzio, dal sussulto provato nel sentire, a dieci dita di chilometri di distanza, la sua dolcezza.
“Ha mangiato una crescentina con il prosciutto” mi ha detto Luca per farmi sorridere, lasciando trapelare una punta di entusiasmo “So che non è molto sano, ma se l’è mangiata tutta e visto che sta rifiutando il cibo….”.
Evviva le crescentine, allora, ho pensato. Asciugandomi le lacrime con il dorso della mano.
La mia piccola Alice Ginevra, sempre pronta a cogliere di sorpresa come l’alta marea, lei che cammina e corre persino dentro ai sogni, che ama la vita fin dentro al midollo e che sorride, sorride, sorride e non smette mai di farlo. Dolore più grande non potevo sentire tra pelle e cuore. Lacerante.
A chi dice che il dolore del parto è il più terribile da sopportare io rispondo che il dolore più forte per me è stato sapere che la mia piccola stava soffrendo. La nonna ha fatto di tutto per lei, riservandole attenzioni ogni singolo secondo della giornata, ma appena scendeva la sera la malinconia si impossessava di lei, che diventava assente, irraggiungibile, chiusa dentro ad un guscio di singhiozzi ora liquidi, ora trattenuti. Ho contato le ore, ho passato l’ultima notte sveglia, ad osservare Athena Giada dormire beatamente accanto a me, aspettando che facesse giorno, che la mia Pupattola si svegliasse e venisse a prendermi insieme al papà. Aspettando che i suoi occhi incontrassero quelli della neonata sorellina e che lo stupore le si incollasse sulla faccia.
Un esseemmeesse di Luca fa vibrare il telefono. Stanno arrivando. Mi ripeto ad alta voce che stanno arrivando. Per un lungo attimo temo che Alice Ginevra possa essere arrabbiata con me, ma questo pensiero svanisce appena sento la sua voce correre lungo il corridoio, arrampicarsi sui muri, fare le capriole, appena vedo che il suo sorriso tende le braccia e vola ad abbracciarmi, le sue mani intorno al collo, le sue gambe che spiccano un salto e mi cingono i fianchi. Non ci diamo nemmeno il tempo di osservarci, strette in un abbraccio carico di scambi e di implicazioni. Mano nella mano le faccio strada fino al letto che sto per lasciare. Luca le dice “Vieni a conoscere la sorellina?” e lei risponde “ti, ti” con quella dolcezza che le appartiene e che ci lascia sempre senza fiato.
La stanza d’ospedale la intimidisce e la incuriosisce, è una scoperta. Si avvicina al letto e scorge la sua sorellina. Mi guarda, ci guarda. Sul viso un’espressione che non può essere tradotta in parole, perplessa, impacciata, sorpresa. Uno, due, tre, quattro. Quattro secondi e poi sorride e si arrampica sul letto. Sfiora i capelli di Athena Giada e posa la testa accanto alla sua. Teneramente. Cosa che continua a fare ogni giorno, stampando baci dolcissimi all’indirizzo della sorellina. Accarezzandola e dicendo “No, no” con fare protettivo ogni volta che la sente piangere. Invitandola a fare la nanna. Ricordandomi di spalmare le cremine e l’olio sulle gambe di Athena Giada. Premurosa, affettuosa, commovente.
Su quel letto bianco rimane a lungo ad osservarla e si distrae giusto il tempo necessario per scartare il regalino che Athena Giada le ha fatto in quei due lunghissimi giorni d’assenza. Una piccola Hello Kitty da stringere al petto e da aggiungere alla sua collezione.
La abbraccio e la riabbraccio, poi raccogliamo i bagagli, le due lettere di dimissioni e mano nella mano ci avviamo tutti insieme verso la luce del secondo sabato di giugno.





********************************







SAUTE' DI COZZE E VONGOLE CON CROSTINI

Questo è un piatto che Luca ed io amiamo tanto, ottimo tutto l'anno, ma che a noi richiama alla mente le sere d'estate, le vacanze...


Ingredienti per 4 persone:

1 kg di cozze fresche
1 kg di vongole fresche
olio extravergine d'oliva
2 peperoncini essiccati
2 spicchi grossi di aglio (consigliato quello di Voghiera)
prezzemolo
vino bianco secco
fette di pane (noi abbiamo usato uno sfilatino o baguette del giorno prima)


La prima cosa da fare è lasciare a bagno le vongole in acqua fresca leggermente salata per qualche ora, in modo da lasciare che spurghino la sabbia. Altra cosa importante è pulire accuratamente le cozze, sotto acqua fresca corrente, aiutandosi anche con una spugnetta di acciaio, in modo da rimuovere tutte le impurità presenti sul guscio della conchiglia.
Una volta che cozze e vongole sono entrambe pulite si può procedere alla preparazione del nostro sautè. Abbiamo utilizzato due diverse padelle perchè i tempi di cottura ed apertura sono diversi. In entrambe le padelle abbiamo versato un filo generoso di olio extravergine d'oliva e una volta caldo, abbiamo unito le vongole e le cozze ognuna nella rispettiva padella. Abbiamo aggiunto uno spicchio d'aglio finemente tritato e del prezzemolo sminuzzato in entrambe le padelle e poi messi i coperchi per favorire l'apertura dei molluschi. Dopo un paio di minuti circa, abbiamo aggiunto una bella spruzzata di vino bianco secco e il peperoncino sminuzzato. Abbiamo lasciato evaporare il vino e spenta la fiamma, riunendo cozze e vongole in un'unica padella, mescolando i succhi di cottura rimasti sul fondo di entrambe le padelle. Abbiamo servito caldo insieme a dei crostini di pane che abbiamo ottenuto tostando sulla bistecchiera, delle fette di pane tipo baguette, che ci erano avanzate dal giorno prima.

21 commenti:

  1. E' commovento il racconto dell'incontro tra le due sorelline. Son sicura che Alice Ginevra sarà un'ottima sorella maggiore e Athena Giada troverà in lei amore, protezione e complicità! Un bacione grande alle due pupattole :)

    RispondiElimina
  2. bellissimo le lagrime mi sono scese : sono felice per voi le 2 puppatole sono un amore vi auguro una felice vita a tutte e 4 bellissime ciaoooo

    RispondiElimina
  3. mamma mia Sabrina,mi hai fatto proprio commuovere!!
    io che ancora non so cosa voglia dire diventare madre,io che lo sogno da sempre e spero che un giorno diventi realtà...
    hai/avete due figlie splendide e spero davvero un giorno di avere occasione di incontrare questa meravigliosa famiglia!!
    un abbraccio grande a tutti e 4!

    RispondiElimina
  4. Che maturità ha dimostrato Alice Ginevra!

    E questo grazie a voi, genitori...

    RispondiElimina
  5. Gesu' che commozione!Mi si e' sciolto il cuoreeeeeeeee!Sabrina sei una immensaaaaaaaaaaaaaaaaa!Un enorme bacio alla meravigliosa Alice Ginevra e alla piccolissima stupenda Athena Giada !Per te un vero abbraccio unico come l'onore che mi hai dato di poter leggere direttamente dalla tua anima!Il più' bel post che io abbia mai letto!Luca sei un immenso anche tu resta sempre come sei un papa' fantastico e un uomo innamorato.Pallina

    RispondiElimina
  6. Che belle le due cucciole insieme.
    Le fimminucce han il senso materno innato :) il mangiapatate ha fatto giusto due sorrisi di corcostanza alla vispa e poi ha iniziato a cercar tutte le attenzioni per sè ;)

    RispondiElimina
  7. Posso solamente immaginarlo come ci si potrebbe sentire stare lontani solo per un giorno da un angioletto come la pupattola, dev'essere stata veramente dura per entrambe. Comunque spero che il periodo triste sia tutto passato e che la serenità regni finalmente sovrana. Ciao, un bacio a tutti voi.

    RispondiElimina
  8. Che tenerezza, Sabrina, immagini bellissime e una bellissima storia d'amore!!!Ciao a questa bella famiglia!!!

    RispondiElimina
  9. Non dev'essere stato facile se non c'eravate abituate... ma quante cose! Innanzitutto che occhioni, tutt'e due. E come si somigliano nelle foto da neonate. Alice Ginevra sembra ancora un po' perplessa, come se prendesse le misure a questo strano essere tutto nuovo. Athena se la dorme come se non avesse mai fatto altro in vita sua.
    Poi "non dimenticare nulla, soprattutto il superfluo": come mi ci ritrovo! Auguri di continuare al meglio e con serenità la vostra bellissima avventura. Questi saranno mesi cruciali per le due furbette...
    E come sempre complimenti alle bellissime scarpe :-P.

    RispondiElimina
  10. I tuoi post sono sempre commoventi...riesci a descrivere con le parole ogni sensazione, ogni sussulto che anche il mio cuore ha provato. Sono stata ricoverata, dopo la nascita di Margherita, per 3 giorni...il mio ricovero è stato spiazzante e improvviso...e l'unico mio pensiero era tornare da lei...che la notte non si voleva addormentare e che mi chiamava continuamente...che strazio saperla soffrire.

    RispondiElimina
  11. essere commossa è poco, essere felice è tanto. Grazie famiglia! baci x 4

    RispondiElimina
  12. Oddio che commozione ragazzi...siamo così felici per voi! Congratulazioni :) inoltre avete scelto un nome meraviglioso per la nuova dolcissima arrivata. E Alice Ginevra è una sorella maggiore adorabile <3

    RispondiElimina
  13. Bellissime emozioni, mi sono commossa quasi dall'inizio! *_*
    Gli occhioni di Alice Ginevra sono pieni di gioia, è un piacere guardare il suo musetto!
    LA tutina della piccolina col cupcake la vorrei anch'io formato maxi, è adorabile!!!
    E' sempre un piacere leggervi, siete una grande famiglia! <3

    La foto del "secchiello" di cozze e vongole, ci credi pensavo fosse per una persona?! Mi sa che è la dieta che parla! Me lo magnerei tutta da sola!
    adesso me ne vado sennò sbavo la tastiera.

    A presto! :)

    RispondiElimina
  14. Una meraviglia che lascia senza parole!un abbraccio grande

    RispondiElimina
  15. Mi sembra di rivivere quello che ho passato quando sono andata in ospedale per partorire Mario Francesco. Anche io ho lasciato Claudia per la prima volta. Era talmente forte la voglia di tornare a casa che subito dopo il cesareo ho chiesto di alzarmi immediatamente e non me lo hanno permesso. Quando mi hanno detto che la mia piccola aveva pianto cercandomi la notte ho pianto anch'io. Avevo il nuovo arrivato tra le mani ed il pensiero costante per lei.
    Io l'avevo preparata al distacco, a quello che dovevo fare eppure ne ha risentito. In ospedale non è stata tranquilla come la tua, a stento ha guardato il fratellino, voleva fare finta di niente. Poi le cose si sono sistemate, la gelosia persiste e quella ci sarà sempre, pensa che anche il piccolo comincia ad essere geloso delle attenzioni che do a Claudia, però si vogliono tanto bene!
    Le tue cucciole sono meravigliose! Un caro saluto.

    RispondiElimina
  16. Oddio che belle queste due tipette qua. Io non avevo capito che alice ginevra fosse così sensibile e il vostro legame così viscerale. Ti confesso che mi sono commossa leggendo del tuo dolore nel saperla lontana. Che pagina meravigliosa della vostra vita hai saputo scrivere sabry. In tutti i sensi. Vi abbraccio forte tutti e 4.

    RispondiElimina
  17. Oddio che belle queste due tipette qua. Io non avevo capito che alice ginevra fosse così sensibile e il vostro legame così viscerale. Ti confesso che mi sono commossa leggendo del tuo dolore nel saperla lontana. Che pagina meravigliosa della vostra vita hai saputo scrivere sabry. In tutti i sensi. Vi abbraccio forte tutti e 4.

    RispondiElimina
  18. ANCHE IO AVEVO TANTA PAURA DI QUEL MOMENTO, CHE POI invece si è risolto nel migliore dei modi. compiemnti, bellissimo post, grandi emozioni, stupende le foto, meravogliose le bimbe, immensa tu, speciale la ricetta

    RispondiElimina
  19. Quanta dolcezza che c'e' in questo stupendo post, io qua mi sento sempre tanto bene, e mi emoziono, la foto delle pupattole che dormono, mamma mia, che meraviglia, Alice Ginevra e' davvero tanto dolce e intelligente, ha gia' capito che la sua sorellina e' qualcosa di prezioso, vi mando un bacione, che buone le cozze,mi piacciono tantissimo, sanno di vacanza, vero, a me ricordano la Sardegna!!!!

    RispondiElimina
  20. grazie per aver condiviso un'emozione così, senza misura...

    RispondiElimina

Chiunque è il benvenuto, dagli anonimi ai griffati....la porta di casa nostra è aperta a tutti, l'importante è il rispetto. Chi non ne ha sarà lasciato fuori assieme alla sua cattiva educazione!!!!
I commenti ci rendono felici.....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...