lunedì 7 febbraio 2011

IL TAPPETO, LE CIABATTE E LA POSA IMPETTITA - TRANCIO DI VITELLO IN SALSA DI PORRI E ACCIUGHE - ROAST VEAL TOPSIDE WITH LEEK AND ANCHOVY SAUCE


"Guarda Luca! Ora sì che abbiamo il nostro angolo salotto!" Sabrina è al settimo cielo, felice come non mai.
Rimango sulla porta, immobile con una espressione che sa di vuoto. Guardo il tappeto, ben sapendo che sarà dura conviverci, soprattutto perché Sabrina ha certe manie tutte femminili che speravo proprio non si manifestassero.
Il tappeto. L'angolo salotto. Sono giusto, giusto quei due secondi che mi separano dal sorriso e dal terrore. “Qua sopra ci si viene scalzi!”, dice Sabrina indicando con orgoglio il tappeto in cotone appena steso davanti al divano. “Ci si toglie le ciabatte e ci si cammina scalzi! Poi ci possiamo anche sedere sopra, per terra!” Sabrina continua la descrizione con il suo fare gioioso, come quando una bambina riceve la sua bambola del cuore per Natale. “Luca vatti a cambiare, che mi dai una mano a sistemare il tavolino sopra al tappeto!” Sabrina è già scalza, con ai piedi un paio di calzettoni morbidi e pelosetti, come dice lei, già pronta. Se ne sta lì, con i pugni chiusi appoggiati ai fianchi, la schiena dritta e le gambe leggermente divaricate. Una posa, che al momento mi ha ricordato un certo personaggio di Predappio, se non fosse per il viso che è decisamente più dolce.
Ancora non ho composto una frase di senso compiuto, mi sono limitato ad emettere dei monosillabi del tipo “Ah! Ok! Sì! Umh!” Raggiungo la camera con ancora impressa nella mente Sabrina in quella posizione di comando e, mentre mi sfilo il maglione dalla testa, incomincio a ridere. Prima tra i denti, poi scoppio in una fragorosa risata per poi buttarmi sul letto con la faccia nel cuscino per soffocare le risate che in quel momento erano da lacrime agli occhi. “Ma cosa fai! Cosa hai da ridere?” Sabrina è piombata in camera come una furia. “Allora cosa c'è da ridere?” Sabrina è ancora lì, sulla porta in quella posizione di comando con i pugni sui fianchi così premuti e stizziti che sembra ancora più autoritaria. Io la guardo e continuo a sghignazzare sempre più forte.
“Allora? Mi dai una mano, sì o no?!”
Asciugandomi le lacrime provo a risponderle “Arrivo, arrivo...” Ma quello che esce dalla mia bocca non deve essere qualche cosa di chiaro, tant'è che Sabrina mi raggiunge ed inizia a tirarmi per la maglietta ed inizia a diventare tutta seria, imbronciata. “Ma si può sapere che cos'hai?” Mi chiede con tono severo. “Cos'hai da ridere! Me la dai una mano o no?” Certo, le dico io. Mi alzo e mi infilo le ciabatte ai piedi (primo errore). Quando alzo lo sguardo è ancora lì in posa, fiera ed impettita. Ed io cosa faccio? Mi piego a metà ancora dal ridere!
“Allora, mi vuoi spiegare cosa c'è? Cosa ti fa tanto ridere?” Il tono di Sabrina è fermo e veramente esasperato. Cerco di riprendermi, ma appena la riguardo in viso e...., non ce la faccio proprio, è più forte di me.
Le passo davanti senza guardarla e vado verso il divano, prendo il tavolino e lo appoggio dove penso sia più consono, ma Sabrina appare nuovamente sulla porta. Pugni chiusi sui fianchi, schiena dritta e petto in fuori e lancia un urlo “No! Cosa hai fatto! Hai sbagliato tutto! LE CIABATTE SUL TAPPETO!!!!!”
Quanto è dolce Sabrina quando perde la pazienza...... “TI AVEVO DETTO CHE CI SI VA SCALZI!!!!!!”
Ma....Amore.... come si fa poi ad andare in terrazza?!” Le domando io, mostrandole tutto il mio dispiacere.
“Ci si toglie le ciabatte, le si tiene in mano e poi ce le si rimette!” mi risponde lei come se fosse la cosa più logica del mondo.
“Perché non mettiamo addirittura un ponte levatoio?” le propongo io.
“Intanto vieni via da lì!”. Sabrina si procura uno straccetto umido, si inginocchia sul tappeto ed inizia a pulire dove io ho appoggiato le mie “zozze” ciabattacce maledette. “Qui, il tavolino va qui!” Sabrina sposta di pochi centimetri il tavolino, poi di qualche millimetro in un'altra direzione. “Ecco!” Tutta soddisfatta si rimette in posa. Mi guarda con l'aria che quella posizione richiede ed io.... assumendo quella posizione famosa nel trentennio “Certo, mio Duce, le porgo le mie scuse!” Stiamo ancora ridendo come due suonati, mentre Sabrina mi spinge a sedere sul divano e mi stampa uno dei suoi magnifici baci.
Questo tappeto sarà per me una vera sfida, rispettarlo e non calpestarlo.


**_____*****_____*****_____**



TRANCIO DI VITELLO IN SALSA DI PORRI E ACCIUGHE


Ingredienti:

Trancio di vitello (consigliato il magatello) del peso di circa 800 gr
2 porri
1 carota
8 filetti di alici sott'olio
500 ml di panna
1 bicchiere di vino bianco secco
1 mestolo di brodo
6 cucchiai di olio extravergine d'oliva
sale e pepe


Questa ricetta l'avevamo vista tempo fa su Cucina Moderna e ci aveva talmente invogliato che abbiamo deciso di prepararcela. Amiamo gli arrosti e solitamente li accompagnamo con qualche salsina particolare, che esalti il sapore della carne. Questa in particolare, rimane delicata, ma molto gustosa e ben si sposa con il vitello.
Puliamo i porri e teniamo da parte le prime foglie esterne, mentre tagliamo il resto a rondelle. Scaldiamo l'olio in una casseruola e vi facciamo rosolare la carne a fuoco vivo, fino a renderla dorata su tutti i lati. La bagnamo col vino e quando sarà evaporato uniamo i porri. Mescoliamo e aggiungiamo il brodo, poi, dopo un paio di minuti anche la panna. Condiamo con sale e pepe, copriamo la pentola e proseguiamo la cottura per circa 40 minuti, aggiungendo se servisse, altro brodo.
Alla carne andiamo ora ad aggiungere i filetti di alici e li facciamo sciogliere nel sughetto. Cuociamo per altri 5 minuti, poi togliamo dal fuoco e frulliamo col mixer il fondo di cottura. Affettiamo il trancio di vitello e lo impiattiamo, servendolo su un letto di salsa.
Per guarnire abbiamo usato le foglie esterne del porro e la carota tagliata a nastri sottili (con il pelapatate) che abbiamo semplicemente sbollentato in acqua bollente per pochi minuti. Tra l'altro, oltre che come guarnizione, sono anche buonissimi da mangiare.



ROAST VEAL TOPSIDE WITH LEEK AND ANCHOVY SAUCE

Ingredients:

800 g thick piece boneless veal topside
2 leeks (cut into thin slices)
1 carrot
8 anchovy fillets preserved in oil
500 ml heavy cream
1 glass dry white wine
1 ladle vegetable broth
6 tbs extravirgin olive oil
salt and pepper


Clean the leeks and set aside the first leaves (we will use them for garnish, after boiling them for a few minutes in water. We'll do the same thing with the carrot).
Cut the rest into thin slices. Take a big casserole, it must be deep enough to allow the veal to be completely covered. Heat extravirgin olive oil and put the veal in there. Sear meat on all sides until lightly browned. Pour in a glass of white wine and when it has evaporated add the leek and the vegetable broth. Cook for a few minutes, then add the heavy cream. Season with salt and pepper and cover with a lid. Cook over a moderate heat for about 40 minutes and add broth if necessary. Turn the veal meat once or twice.
Add the anchovy fillets and cook until melted.
Once cooked, leave the meat and process the sauce in a blender until the ingredients begin to amalgamate, then slice the meat and place on a serving dish with this sauce. Garnish with boiled leek and carrot stripes.

50 commenti:

  1. ...eh si , tra Luca il tappeto e Sabrina la vedo proprio dura....e tutto considerato il ponte levatoio forse non è del tutto una cattiva idea ....; intanto però la cena è favolosa :un caro saluto

    RispondiElimina
  2. COMPLIMENTI NON SOLO PER LA RICETTA, MA ANCHE PER IL MODO DI SCRIVERE,MI è SEMBRATO DI STARE PURE IO CON VOI A POSIZIONARE IL TAVOLINO SUL TAPPETO!!PER QUANTO RIGUARDA IL MIO TAPPETO,E' GIA' UN BEL Pò CHE L'HO DEPOSITATO GIU' AL GARAGE,CON DUE PICCOLINE PIU' UN MARITO,NON POTEVO CHE ARRENDERMI!!!!!!!!buona NOTTE

    RispondiElimina
  3. Oddio .. le lacrime agli occhi mi fate venire voi due, x davvero! Ma di gioia ;)
    A come vorrei esserci stata là, sì sì Sabrina, perché cavoli hai ragione in pieno su tutto:
    -sopra al tappetto nuovo ci si va scalzi, assolutamente!
    Mannaggia che mi perdo la realtà di certe scene domestiche, ma per fortuna il dono di Luca di riportare le situazione con quel suo piglio particolare, che lo contraddistingue da te Sabrina, penso abbia reso magnifica giustizia all'accaduto.
    Ragazzi .. un'altra scena così e .. mi fate stecchita, per davvero.
    Già già.. baci di gioia a Sabrina e buona serata a entrambi^^

    RispondiElimina
  4. una preparazione gustosissima e prelibata! complimenti

    RispondiElimina
  5. camminare scalzi sul tappeto della sala e' bellissimo!
    e questo va bene
    invece sono caz.. quando mi sdraio sul tappeto per fare gli esercizi che m'aiutano a 'stirare' la mia stramaledetta schiena (spesso mi fa male)
    Si caz.. perche' se mi becca la moglie mi prendo delle girate stratosferiche,
    con l'ennesima spiegazione che quello e' un persiano che costa!
    Non puo' essere usato per far ginnastica
    (ed io penso si cara ma e' cosi' comodo, a portata di mano, ma mi conviene tacere onde evitare il peggio)
    buona serata
    ciao Michele pianetatempolibero

    RispondiElimina
  6. ^_____^
    Ciao ragazzi.
    Mi sono immaginata la scena e sto ancora ridendo.
    Pooooovero Luca e le sue sporche ciabattacce...^___^
    Sabrina VI ha messo "a sedere in un angolino a riflettere" come fanno le maestre del mio piccolo???^___^
    Un bacione doppio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  7. la ricetta è meravigliosa, ma la stria del vostro tappeto forse è ancora più bella ^_^

    RispondiElimina
  8. eh eh ma adesso voglio la foto del tappeto!!! sabrina in versione "casalinga disperata" mi fa troppo sorridere!!!!

    RispondiElimina
  9. Questo racconto è simpaticissimo, veramente spassoso e la ricetta è splendida!!! complimenti per tutto, un abbraccio

    RispondiElimina
  10. Caty, e dire che non mi sembra di avere chiesto molto, è solo questione di abituarsi, vuoi mettere quanto è liberatorio stare a piedi nudi sul tappeto! Un abbraccio.

    Graal, scommetto che il più indisciplinato è tuo marito!

    Chaillrun, meno male che sei dalla mia parte e te lo dico con un sorriso enorme! Ma ci credi che non mi ero resa conto in quel momento di avere assunto quella posa! E non capivo perchè Luca ridesse tanto, così quando me l'ha fatto presente sono scoppiata a ridere anche io e lo stesso è successo quando ho letto queste sue righe! Certe volte non mi rendo conto di essere buffa, ma lo sono molto spesso. Comunque ti dirò che sta cominciando ad apprezzare anche lui la libertà dei piedi nudi e la libertà di poterci sedere anche a terra, cosa che io adoro. Baciotto.

    Mamanluisa, grazie!

    Michele, beh se Luca si stendesse sul tappeto per fare gli esercizi di ginnastica non gli direi niente, anzi! Baci.

    Nunzia, in un certo senso sì!

    Erica, sapessi quanto ho riso io quando ho letto il post!

    Bacioni a tutti
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  11. Laura, non lo abbiamo ancora immortalato, ma provvederemo! Casalinga disperata fa ridere troppo anche me! Bacioni.

    Lady, grazie mille!

    Buonanotte
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  12. E mi raccomando... occhio a no far cadere gocce di salsa sul tappeto!
    ;-)

    RispondiElimina
  13. Ciao sono un po in ritardo,ma sono qui!
    Intanto complimenti per la simpaticissima scenetta del tappeto nuovo e anche per l'arrosto e la sua bella presentazione!
    Per quanto riguarda la crema del Molino Chiavazza, volevo dirvi che è veloce e buona. Infatti trovo che sono veramente prodotti validi, ho provato anche dei budini,dei preparati per torte e muffins e sono rimasta soddisfatta.
    Alla prossima,buona notte

    RispondiElimina
  14. Come al solito siete molto divertenti!!!Ma questa volta mi piace di gran lunga di più la ricetta!!! Dev'essere ottimo quel vitello, lo provo di certo. Tanti cari saluti e buona giornata!

    RispondiElimina
  15. La storia del tappeto è simpaticissima e l'immagine di Sabrina mi ricorda un po' anche la mia quando mi prende la fissa (molto democratica!) del "si fa così...punto"! Comunque l'idea del ponte levatoio non è affatto male :)))))
    Un bacione ragazzi, buona settimana

    RispondiElimina
  16. Siete grandi... Avvolte si corre di fretta qui tra i blog per lasciate un commento, si legge tutto velocemente, ma qui ci si ferma con tranquillità perché i vostri racconti oltre che scorrono divertono anche. Complimenti...anche per il piatto presentato, È intrigante nel complesso. Buona giornata.

    RispondiElimina
  17. voi uomini avete la sensibilita'di un mammut!!!
    ma come si fa?
    povera sabri,la vedo dura :(

    RispondiElimina
  18. Standing ovation x Sabri!!!!Figuratevi che il mio sogno è quello di avere una cesta per ciabattine all'ingresso e far togliere immediatamente le scrpe a chiunque entri in casa(io ancora incappottata e bardata sfilo subito le scarpe, e rompo alla noia pure il mio fidanzato!!!I Giapponesi sono il mio benchmark, è questione di pulizia e rispetto per il luogo in cui si vive, vero Sabrina?A quanto pare siamo tutte compari!
    Sull'arrosto?Ve l'ho detto, meglio di un ristorante!
    bacioni

    RispondiElimina
  19. si si ci vuole proprio la foto del tappeto!!!
    Luca mi hai fatto ridere anche se stamane...non ne avevo proprio voglia...grazie!
    vi abbraccio
    dida

    RispondiElimina
  20. Mi dispiace ammetterlo, ma stavolta la ricetta non riesco a leggerla con la dovuta seriosità: la sit-com ha catturato tutte le mie attenzioni e sono ancora qui che sorrido come un'idiota! ^^

    RispondiElimina
  21. una ricetta squisitissima!!! E la foto è fantastica!!! Bella l'idea del ponte levatoio

    RispondiElimina
  22. Athos, e ci mancherebbe!

    Laura, allora proveremo la crema! Bacioni.

    Giulia, vedrai che ti piacerà moltissimo!

    Federica, ogni tanto bisogna mostrare il carattere! Bacioni.

    Max, non immagini quanto ci faccia piacere quello che hai detto!

    Mirtilla, hai fatto ridere Luca, mi sa che è d'accordo con te!

    Saretta, hai centrato in pieno il mio pensiero! Buona giornata!

    Giusy, siamo felici di averti strappato un sorriso, ma ci dispiace che la giornata non sia partita bene, ti auguriamo che ora le cose vadano meglio! Un abbraccio.

    Buon martedì a tutti!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  23. Mi associo al coro: vogliamo vedere la foto del tappeto!! Nel frattempo è dolce immaginarlo e immaginare voi che allestite l'angolo salone tra impronte improprie e ponti levatoi.
    Tutto molto carino come la cena meritata dopo tante e emozioni e gioie.
    Un bacione grande

    RispondiElimina
  24. Luca mi hai fatto morire dal ridere...
    ma appoggio Sabrina : sul tappeto si va a piedi nudi!
    (e poi c'è un vecchio film :"A piedi nudi nel parco"!quindi!;DD)
    ..quanto al cambiarsi le scarpe..eh già...
    io appena entro in casa le tolgo , ma lotto da anni con Sant ( che sarà anche sant'uomo ma difetti ne ha come tutti!;DD) che non se le vuole togliere mai, credo che se potesse dormirebbe con le scarpe addosso..sgrunt! e le innumerevoli pantofole comode e belle che ho comprato negli anni..alla fine le indosso io, ma sono così grandi per me che ...
    "sciabatt sciabatt" per casa come una vecchia strega trasandata... orrore!;P
    bacioni
    valverde

    RispondiElimina
  25. Sabrina
    passo per dirti "grazie di cuore" per .. tutto, per le parole e i consigli che mi dai.
    Oggi che la febbre è passata, mi sento con tutti i peli dritti sulla pelle, non c'è n'è per nessuno: sto incasinata nei miei pensieri, dunque incasino anche la vita di chi per lavoro o altro mi si avvicina!
    Sto col famoso mattarello in mano, lo brandisco e lo faccio mulinare se qualcuno prova a stressarmi oltre il dovuto.
    Oltre a ciò, sto col pensiero a te: di quanto tu mi sia vicina e di quanto tu mi capisca al volo.
    un bacione

    RispondiElimina
  26. Mi raccomando Luca, occhio al tappeto e rispettalo!!!! Siete veramente unici ragazzi, come questo squisito piatto, bacioni!

    RispondiElimina
  27. ragazzi, mi avete fatto morì! anche qui ci sono i tappeti, ma figurati se alieni, denso, gatti e coniglio ci stanno attenti!!!! magari lo facessero!!!!
    ahahahah!!!!
    ragà, avete voglia di fare un meme sui libri? non so se l'avete già fatto, ma so che sabri legge molto, se ne avete voglia (e tempo) passate da me!

    RispondiElimina
  28. Anna, sei dolcissima!

    Valerio, la sto prendendo in considerazione! :-D

    Elena, la mostreremo sicuramente!

    Sapessi quante ciabatte ha Luca, ma ciabatta per casa fino a tarda sera con gli anfibi, figurati un po'. Io al contrario starei sempre scalza! Un abbraccio.

    Chaillrun, sei un tesoro!

    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  29. Speedy, bravissima, fai bene a dirglielo anche tu!

    Mammadeglialieni, adesso passo, sono curiosa!

    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  30. bellissime le tue foto a lato !buonissimo questo rotolo di vitello...con quel sughetto

    RispondiElimina
  31. Mi avete fatto proprio ridere!!!ma Sabrina ha ragione! la ricetta è fantastica complimenti !
    Un bacio Anna

    RispondiElimina
  32. Dai Luca nn prendere in giro Sabry anche perche io ho le sue stesse manie!!quando mio marito torna da lavoro le ciabatte le trova gia vicino alla porta e nn sia mai entra con le scarpe in casa mi viene una crisi isterica pero a mia discolpa ho 2 bimbi che giocano smepre sul pavimento e se vieni da fuori con le scarpe sporche con quello che c'è a napoli sono giustificata:D!!!Cmq c'è sempre un clima magico nei vostri post sarà che si respira l'amore anche da dietro il monitor???credo proprio che sia cosi e il tancio e di un buono!!bacioni imma

    RispondiElimina
  33. ciao carissimi, sono morta dal ridere a leggere del tappeto, mi ricorda mio marito che si è trovato ad un colloquio di lavoro a disquisire con i "sobri dirigenti" che lo stavano "interrogando" sul dramma del momento in cui una moglie decide che nella casa nuova ci voglio delle "tende appropriate"!!! Un grande bacio

    RispondiElimina
  34. ciaoooooooo ragazzi come state? bello rifarvi visita vi abbraccio affettuosamente e con amicizia

    RispondiElimina
  35. Eh dai ragazzi, un pò di pazienza: sai che noi donne abbiamo le nostre piccole manie.... ;)
    Che buona questa carne: molto gustosa e ricercata! porri e acciughe non li abbiamo mai combinati..ma non ci faremo certo pregare!
    bacioni

    RispondiElimina
  36. Carpe diem, grazie mille!

    Anna, grazie del sostegno!

    Imma, ben detto, mi hai dato anche un ottimo suggerimento, ovvero pantofole vicino alla porta di casa! Un bacione.

    Colombina, il prossimo passo saranno proprio le tende, dobbiamo cambiare anche i bastoni, quindi puoi immaginare la faccia di Luca quando ha letto il tuo commento!

    Andrea, che piacere rivederti, noi siamo sempre più estasiati davanti ai tuoi piatti!

    Buona serata
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  37. Ciao ragazzi, mi sembra di vedervi!:-) Siete sempre una favola, anche quando fate finta di tenervi il broncio:-)
    Al tappeto ho rinunciato qui perchè il cane me lo rovinerebbe, altro che Luca in ciabatte, a lui sembra di stare nell'erba e scava:-)), infatti quando vado da amiche che li hanno lo tengo bene al guinzaglio..Un bacio per due ed a rivederci:-)Grazie;-) siete due belle persone.

    RispondiElimina
  38. Manu e Silvia, porri e acciughe danno una salsina che è davvero la fine del mondo, non è troppo forte perchè stemperata dalla panna, insomma secondo noi vale la pena d'essere provata!

    Rirì, mi immagino Poker che scava, se poi il tappeto fosse anche verde allora non avrebbe dubbi che si tratta di un sofficissimo prato. Un bacione e anche tu sei una bella persona, tra l'altro lo pensavo anche prima di conoscerti!

    Bacioni da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  39. Luca mi sa che Sabrina avrà la meglio ^___^
    un abbraccione ad entrambi

    Robi

    RispondiElimina
  40. Robi, quanto mi piace questa tua previsione! Mille baci
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  41. Io dovrei camminare scalza in tutta la casa perchè ho tappeti dappertutto...devo dire che ho tentato di metterli anche in bagno ma erano troppo spessi e la porta non si chiudeva..
    Avrei voluto essere una mosca per assistere alla scena a casa vostra!!!
    Il trancio di vitello poi mi è sembrato veramente delizioso!!
    Un bacione e grazie per avermi votato!!

    RispondiElimina
  42. Ragazzi ho le lacrime agli occhi anche io. E si Luca ti aspetta una sfida quotidiana nel rispetto della regola dei piedi scalzi. Certo l'idea del ponte levatoio non è malvagia. Ma per un' amore, e quale amore aggiungerei, si fa anche questo. La ricetta è squisita anche se non amo molto le alici, ma credo che la panna forse ne assopisca un po il sapore. Grandi ragazzi è uno spasso leggervi. Buona serata.

    RispondiElimina
  43. Avrei voluto essere una mosca e non perdermi nemmeno una battuta di questa scena dal vivo, per quanto anche con le parole Luca sia riuscito a rendere l'idea...
    Bel caratterino Sabri!
    Ma se le ciabatte sono pulite, che danno possono fare?
    Comunque ogni volta che entrero' in casa di qualche amica con un tappeto in salotto, ora ne avro' il terrore!
    Un abbraccio ragazzi!
    Dony

    RispondiElimina
  44. L'angolo salotto....dopo l'angolo cottura :-) A me i tappeti non piacciono, però il vostro angolo salotto sarei proprio curiosa di vederlo!

    RispondiElimina
  45. sono le 7.58 di mattina, Luca ti ho appena letto, ho riso e mi hai dato la carica x iniziare una lunga giornata
    Ciao

    RispondiElimina
  46. Galeotto ora pure il tappeto...

    RispondiElimina
  47. Anche a casa mia scalzi sui tappeti!! Sabrina concordo e fai rispettare questa regola d'oro:))Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  48. siete mitici!!!!
    troppo belloleggervi!!!
    il tappeto!! il mio Sa ogni volta che ne vede uno sogna il suo angolo salotto :) e sognate mi mostra il tappeto ed io ... si si ( ovvero il più tardi possibile!o anche mai) io sono una piccola peste in casa, cammino sempre con i miei calzettoni e mi siedo per terra ogni volta che devo vedere, sfogliare, leggere qualcosa, anche a natale scartavo i miei regali per terra.
    passando alla questione tavolino del salotto, ancora niente tavolino, abbiamo preso una lampada-cubo e per ora si usa quella :) sono un disastro!!!!
    baciiiii

    RispondiElimina
  49. Tranquilla Sabry che ce la puoi fare abbiamo il tappeto da 6 mesi solo adesso il mio uomo ha capito che bisogna togliersi le ciabatte per andarci sopra. Sti uomini ^^
    Baciottii

    RispondiElimina

Chiunque è il benvenuto, dagli anonimi ai griffati....la porta di casa nostra è aperta a tutti, l'importante è il rispetto. Chi non ne ha sarà lasciato fuori assieme alla sua cattiva educazione!!!!
I commenti ci rendono felici.....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...