lunedì 17 febbraio 2014

PUNTEGGIATURA - CASTAGNOLE DI CARNEVALE (di casa nostra)

Punto e virgola. Due ipotesi in un discorso, due fili tesi tra le parole che si nascondono in un senso artefatto.
Punto e virgola. Punto e a capo. Segni e segnali dello scrivere parole artefatte, sognate e scosse. Shakerate, senza ghiaccio, ma con tanto calore umano.
Virgola, punto, punto e virgola. A tratti leggeri tra lettere, una alla volta. Una dopo l'altra per un senso compiuto. In mezzo ma non in mezzo. In mezzo ma non il mezzo, ma l'intero di un senso, distribuite con precisione tra le pieghe di un discorso, che a volte, sa di volte e di svolte. Di nodi e di lacci. Legate e liberate.
Punto, virgola, esclamativo, interrogativo? Domande tra affermazioni! Risposte divincolate da schemi supposti e particolari che hanno un proprio senso. Preciso.
Puntini di sospensione tre alla volta, come note su un pentagramma di cinque righe. Pronte ma  a volte non necessarie e senza un suono vuoto, senza il lampo necessario per avere un tuono, ma solo il suo rombo tonante che scuote la mente di cristallo.
Certezze annotate e sottolineate.



Punto e a capo, la vita continua, la vita si intreccia tra i piccoli particolari di una vita descritta e mai scritta. Virgola e due punti di precisazione che precisano ciò che di impreciso non c'è. Parentesi di pensieri, piene di vuoto che scartano, che evitano, che schiudono in un luogo chiuso. Parentesi chiusa.
Parente sì, figli di stati d'animo aperti in quello sguardo che separano frasi e completano un senso, che solo chi scrive e lo descrive riesce a definire un punto di svolta o una virgola di volta che regge l'architrave di un senso compiuto. Il sesto senso dell'intuito, il settimo senso, il senso unico percorso al contrario, solo per provare il brivido di incontrare pensieri nuovi in sole parentesi aperte, da non chiudere mai, anche solo per scoprire come va a finire.
Punto e virgola, virgola e punto, sono attimi di vita che si imprimo nelle storie che si raccontano, che gocciolano da un calamaio, che si srotolano da una piccola sfera o che si interrompono nella punta spezzata di un'anima di grafite. Piccoli segni di disegni senza ambigui risvolti, senza speranze che anzi siglano e inventano un prezioso dono, un regalo per gli occhi a cui scappano e ne cambiano il piacere.
Virgola traditrice e prezioso scambio di stile inebriante, ubriaco di sottolineature vagabonde tra intrecci anonimi ma non per tutti. Frasi tronche, piccoli bonsai intercettati, cercati, nascosti e poi ritrovati. Segni e segnali dispersi dove l'ombra non c'è. Magiche ipotesi, tese di un panama, solare e ricercato anche se fuori moda.
Punto. Punto e basta, punto per finire, per cessare le elucubrazioni di un pazzo che vuole nascondere tra le sue righe un amore che trattiene e che lo spaventa. Un ignorante tra punti di vista e punti di svista.
Punto.

**********************


In questo periodo anche in casa nostra i dolci di Carnevale impazzano per la gioia nostra e di Alice Ginevra in particolare che esulta ogni volta che viene pronunciata la parola Carnevale. Oggi proponiamo le Castagnole.



CASTAGNOLE DI CARNEVALE
(DI CASA NOSTRA)





Ingredienti:

3 uova
150 g di zucchero
75 g di burro
2 cucchiai di rum
450 g di farina 00
la scorza grattugiata di mezzo limone non trattato
1 bustina di lievito per dolci (per la precisione ne abbiamo usata poco meno di una bustina)
abbondante olio di semi di arachidi per friggere
un pizzico di sale
zucchero a velo q.b.



Dopo avere provato diverse ricette non del tutto soddisfacenti, finalmente abbiamo trovato la ricetta delle castagnole perfette, del tutto identiche a quelle che hanno allietato i Carnevali di me bambina.
Anzitutto versiamo le uova in una terrina, uniamo lo zucchero, il pizzico di sale e lavoriamo gli ingredienti con una frusta fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.
Sciogliamo il burro in un pentolino, lo lasciamo intiepidire e lo uniamo al composto di uova, aggiungiamo anche il rum e la scorza di limone. Incorporiamo a questo punto la farina setacciata con il lievito, mescoliamo e amalgamiamo bene il composto e lo trasferiamo sulla spianatoia. Lo impastiamo con le mani fino ad ottenere una pagnottella omogenea.
Formiamo tante palline grandi come una grossa nocciola e le friggiamo in olio ben caldo, facendole poi sgocciolare con un mestolo forato e passandole su carta assorbente.
Le cospargiamo con zucchero a velo e chi vuole può irrorarle anche con del rum, dell'anice o dell'alchermes. Come per le ciliegie, vale il detto che una tira l'altra.

25 commenti:

  1. Che delizia! Una tira l'altra!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così Iva, infatti sono evaporate, così ha detto Luca!!!

      Elimina
  2. lo ammetto: dei punti e delle virgole non ho letto :(
    ma mi sono goduta le bellissime modelle di casa e... le castagnole :-P
    un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Betty, Luca c'è rimasto un po' male! ;)
      Le Pupattole ringraziano, speriamo non diventino troppo vanitose, va'!
      Smack a te

      Elimina
  3. la vita e' piena di punti di virgole di mille dubbi e di mille pensieri rivolti alle gioie piu' grandi della nostra vita...stanze dapprima tutte nostre adesso tutte loro e dei loro giochini con le loro urla festanti e una delizia da sfornare dietro l'altra per loro e per la gioia dei loro occhi e del loro palato e dei loro bacini di ringraziamento...un caro abbraccio ragazzi

    RispondiElimina
  4. Luca, Sabrina, Alice Ginevra e Athena Giada. Due virgole, un punto per definire una famiglia che profuma d'amore, che ti fa gustare anche in lontananza la voglia di vivere.PUNTO.

    RispondiElimina
  5. Domani provo a fare questa vostra ricetta, sono venute benissimo, che buone, guardando la foto viene voglia di mangiarle, mi piace tutta la punteggiatura, sopratutto quando serve per descrivere l'amore, bacioni a tutti e quattro, che favola le bimbe, Alice Ginevra e' troppo bella con il cappottino bianco e come sta su ben dritta Athena Giada, io vi adoro!!!

    RispondiElimina
  6. Luca con tutte queste parentesi (per un attimo) mi son rivista sul banco di scuola, intenta a scoprire l'incognita dell'ennesima espressione data dal prof.: ansia eh!
    Sabrina ..dio che belle le tue bimbe, dai colori diversi, ma simili tra loro.
    Vi abbraccio forte forte: mi fate avere un picco di glicemia, ma non per le castagnole (buone eh), ma per la dolcezza che trovo in voi :-)

    RispondiElimina
  7. era da un pò che non riuscivo a fermarmi e godere delle vostre parole, con calma, davanti ad un caffè. oggi ce l'ho fatta e, come sempre, quanto ne valsa la pena!
    un bacio alle pupattole <3

    RispondiElimina
  8. Ma che bei pupetti che avete;) ottime le castagnole....io le adoro....baci a tutta la famiglia

    RispondiElimina
  9. ciao...seguo il tuo blog gia da un bel po...io sono l amministratrice del blog:
    http://cottoespazzolato.blogspot.it/
    da poco ho dovuto cambiare l url al blog quindi sicuramente non riceverai i miei post nella bacheca...se ti fa piacere riceverli cancellati dal mio sito e riiscriverti...per cancellarti basta che vai sul riquadro dei miei lettori fissi e accedi al mio blog con il tuo username e password...poi sempre dal riquadro dei miei lettori fissi clicchi su la freccia vicini opzioni,poi su impostazioni sito e poi su "non seguire questo blog". dopo di che ti dovresti riiscriverti al mio blog...ne sarei molto onorata...grazie mille...

    RispondiElimina
  10. Ora ,dopo aver visto le vostre castagnole mi è venuta l'acquolina un bocca e mi tocca andarmele a fare , punto , due punti e punto a capo.....insomma buon carnevale!

    RispondiElimina
  11. Non so decidermi: sono più dolci le castagnole o le tue bimbe? Che tenerezza! Complimenti davvero :***

    RispondiElimina
  12. Alle volte i sentimenti che si provano avrebbero bisogno di parole che non sono ancora state inventate, il linguaggio che prediligono è quello del corpo, di un braccio aperto ad accogliere, di una mano allungata a donare; quello che provi, Luca si capisce anche da come guardate le vostre bellissime bambine, attraverso l'obbiettivo di una macchinetta fotografica.
    Anche io ho preparato per la prima volta le castagnole ieri, ho provato la versione con la ricotta, restano soffici soffici....un abbraccio a voi quattro.

    RispondiElimina
  13. è da ieri che provo a lasciare un commento ma non me lo fa fare...nel caso invece fosse andato a buon fine, ovviamente cancellate questo!
    Volevo dirvi che mi sono troppo divertita a leggere! è bellissimo, sembra un pezzo futurista (ma in più fa riflettere!).
    bello il tema della punteggiatura, poi confesso che da un po' quando vi leggo faccio questa cosa: prima che l'autore si sveli provo a cercare di indovinare chi di voi due abbia scritto il post....e sto diventando anche bravina devo dire!
    Avete un modo molto particolare e coinvolgente di scrivere, ognuno ben caratterizzato. Tanto che stavolta né le pupattole né la ricetta hanno catturato subito l'attenzione. Io almeno, sono stata conquistata da tutta la girandola della punteggiatura!
    Ma ciò non toglie che le pupattole siano sempre più belle e queste castagnole buone da svenire!!
    Tanti bacioni, fantastici 4!!

    RispondiElimina
  14. Come crescono in fretta le vistre belle donnine!! Bellissime!! Buona giornata!!

    RispondiElimina
  15. Ciao Raga'...grazie per essere passati...io oggi conosco la nuova piccola...e' da un bel po' che non navigo...Sono entrambe bellissime...due sorelline!!!!Che bella cosa!!!!Che dire scrivete sempre "Divinamente"ed e' sempre un piacere leggervi!!!!Per le castagnole non commento...perche'?????Io ne mangerei a tonnellate!!!!!!Buona vita e buon tutto!!!!Auguri per la bambina...che bel colore degli occhi!

    RispondiElimina
  16. ho provato le castagnole: buone come quelle che faceva la mia mamma. Grazie! le vostre bambine sono splendide e un po' vi invidio ma voi due meritate questa felicità. baci
    morena

    RispondiElimina
  17. Mi fanno morire le vostre cucciole! Troppo belle e le castagnole non ne parliamo...io non le ho mai fatte

    RispondiElimina
  18. Una vera bontà le castagnole.
    Vi auguro una serena e felice giornata.

    RispondiElimina
  19. Aaaaahhhh... (puntini di sospensione)queste le provo. (punto)
    Bellissime le principesse; (punto e virgola) entrambe grandissime! (punto esclamativo)
    Buon carnevale. PUNTO.
    :)

    RispondiElimina
  20. Che dolci queste due bimbe!!!! Sono meravigliose e come sono cresciute! Adoro le castagnole e per carnevale non possono mancare! Un abbraccio grande splendida famiglia!
    Baci Ely

    RispondiElimina
  21. Sei punti ad una ferita sul polso che cicatrizzandosi è diventata una grande virgola. Lo so, non è la stessa cosa della vostra punteggiatura ma capita anche questo.
    Ciao, un abbraccio alle pupattole e pure a voi che chissà quanta fatica a star loro dietro.

    RispondiElimina
  22. Ragazzi miei... quanto tempo che non passavo!!!! e le bimbe crescono.. Alice Ginevra è una signorina ormai.. e Athena Giada.. come cresce bella pure lei! Mi fa davvero piacere che stiate tutti e 4 bene.. Vi abbraccio forte.. e rubo un paio di castagnole.. io quest'anno niente dolci carnevaleschi.. :-)

    RispondiElimina
  23. buoni i dolci di carnevale! buonissimi!!!!

    RispondiElimina

Chiunque è il benvenuto, dagli anonimi ai griffati....la porta di casa nostra è aperta a tutti, l'importante è il rispetto. Chi non ne ha sarà lasciato fuori assieme alla sua cattiva educazione!!!!
I commenti ci rendono felici.....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...