martedì 15 ottobre 2013

FESTIVAL DEL TORTELLINO - SABRINA TRA I GIUDICI - SWEET POTATO PIE - TORTA DI PATATE DOLCI



La curiosità è donna, ma in questo caso, la curiosità è la mia.
Le Club de Pirottines, di cui ci onoriamo di fare parte anche senza, purtroppo, partecipare agli incontri perché la giovin prole ha orari che non vanno d'accordo con i meravigliosi incontri che organizzano le splendide Benedetta Cucci e Simona Gavioli (in puro ordine alfabetico), ci fa partecipi per essere parte della giuria dell'evento mondano in Piazza de Mello per il Festival del Tortellino, dove 16 degli Chef associati alla RistoAssociazionetOur-tlen presentano la loro rivisitazione di quello che è il fiore all'occhiello della tavola tra Bologna e Modena. Lo scrigno che i poeti riconducono all'ombelico di Venere, conosciuto in tutto il mondo e, secondo alcuni “fanatici” anche oltre il nostro universo, ha trovato in questa kermesse nuova vita e stimolo per portare in viaggio tra i palati, sapori nuovi per i curiosi ed “amanti” di questo rito tradizionale nato a Castelfranco Emilia, esattamente a metà tra le città che oltre alla secchia si contendono il primato di questa prelibatezza che tutti ci invidiano.
Avrei potuto candidarmi io all'assaggio di un piatto che adoro ma ho chiesto ed ottenuto l'approvazione di Sabrina perché fosse lei il giudice assoluto nella nostra coppia, dato che a lei (sacrilegio!) i tortellini non piacciono. Secondo lei, almeno quelli che ha assaggiato, sanno di “selvatico”, di rancido. Mi son sempre chiesto che tortellini avesse mai mangiato, in quale bettola fosse stata costretta ad ingoiare l'insulto alla nostra tradizione. Sabrina non ama la mortadella (eresia!) perché non ne ama il profumo e perché la ritiene troppo grassa. D'altronde per quanto mi riguarda anche lo scartare il grasso del prosciutto, secondo il mio piacere del mangiare, è un insulto alla buona tavola ma, praticamente tutte le donne, fin da piccole lo fanno, mentre noi uomini rudi e con il colesterolo che viaggia sempre al limite dell'umana decenza lo riteniamo parte importante di quel taglio di coscia stagionata di maiale. Quindi, visto che, di solito, la mortadella ed il crudo sono due degli ingredienti del tortellino... , Sabrina è il giudice migliore che io potessi avere in famiglia.
Appuntamento alle 19,30! Preparativi iniziati alle 18,00 con Alice Ginevra che ha addosso una “sverzura” (per i non bolognesi: essere in fibrillazione) tale che appena Sabrina, con non poca fatica, riesce a convincerla ad indossare il cardigan per coprirsi dal fresco della serata, lei si porta davanti allo specchio e si prova tre o quattro cappelli fino a scegliere il quinto. Lo spettacolo è unico, la corsa avanti ed indietro a prendere i cappelli, l'infilarseli in testa, cercare di farseli calzare al meglio, un' altra corsa in camera ed il ritorno allo specchio, sono quelle cose per cui vorresti avere una telecamera sempre accesa e a portata di mano perché, sono cose che se non le vedi, non ci credi.
Fatto, tutti pronti! Io ingoio il mio antinfiammatorio per l'ascesso che mi ha sconvolto per tutta la giornata e che, poco dopo aver ingurgitato la pozione magica, pare essere scemato.
La serata è decisamente fredda per questi primi giorni d'Ottobre e, a quanto pare, non siamo gli unici ad esserne al corrente, tant'è che non c'è una moto in giro ma sono tutti in auto ed il traffico è tipo quello dell'ora di punta. Un messaggio per avvisare dei nostri dieci minuti di ritardo e mi rilasso alla guida chiacchierando con Sabrina delle nostre “piccole e dolci pesti”.
Piazza De Mello è un moderno spazio ricavato sopra via Stalingrado e per sopra, intendo proprio sopra, ricavata all'interno di un'avveniristica costruzione sullo stile della Defense parigina a cui è stato aggiunto una balena di vetrate a spezzarne la forma e a darle un tocco d'artista, una moderna porta che divide la zona fieristica dalla città. Il vociare della festa lo percepiamo appena spento il motore e già ci immaginiamo la calca agli stand gestiti dagli Chef dei ristoranti di Bologna ma, non immaginavamo certo quello che poi abbiamo visto con i nostri occhi appena le porte dell'ascensore si sono spalancate.
Sbuffi fumanti dai pentoloni dove borbottava il Brodo ed abili mani che spadellavano il giallo gioiello della mia città ed altrettante abili mani che riempivano piccole ciotole di poco ecologico polistirolo ma di grandissima comodità per una festa completamente in piedi tra un banco e l'altro dove le mini cucine andavano, è proprio il caso di dire, a tutto vapore.
Cerchiamo Alice Boscardin, l'organizzatrice, il nostro Virgilio, per farci spigare come funziona la giuria, quali sono i metodi e i modi. La troviamo dietro ad una delle casse, in piedi che stringe a sé le cartellette, comprimendole al suo cappotto del colore dei suoi capelli, le abbraccia come per recuperarne il calore, come per assorbire ogni minimo grado centigrado per sopperire alla temperatura esterna che sembra scendere sempre di più.
Ci viene consegnata la “pagella” ed i coupon con cui accedere agli assaggi.
Sabrina scorre i nomi dei ristoranti per individuare quelli che a lei sicuramente solleticheranno la sua curiosità. Il tartufo, il suo profumo, il suo aroma, il suo abbinamento con un ripieno che lei non ama, la convincono che sarà il primo della sua lista perché convinta che il tubero degli dei possa impreziosire l'assaggio. Iniziamo la ricerca penetrando con lo sguardo tra la folla che si accalca davanti ai vari Chef. Taverna del Cacciatore: Tortellini con Tartufo Nero. A quanto pare la prima scelta comporterà un po' di fila, sette o otto persone sono prima di lei, tutti con il tagliandino in mano, tutti con la mano in tensione come per depositare denaro ad una questua. Sabrina, il mio giudice, torna da me con un'espressione mista tra il festante ed il dubbioso. Felice per avere raggiunto lo scopo del primo assaggio e dubbiosa perché ora le toccherà fare l'assaggio. Sinceramente l'odore, è il caso di definirlo così, era solo quello di un brodo troppo ristretto che copriva troppo pesantemente qualsiasi altro profumo. Il Tartufo, tre o quattro micro scagliette, era annegato nel brodo ed i sei tortellini sei, dalla forma perfetta e questo va ammesso, erano pronti per essere addentati. Sabrina ne sceglie uno cercando di raccogliere tutto il Tartufo possibile, tutto quello che poteva contenere il piccolo cucchiaino che le avevano consegnato assieme alla ciotola di polistirolo. Lo guarda con circospezione, come per sfidarlo, come per autoconvincersi che sarebbe stata in grado di portarlo alla bocca e morderlo con voluttuosità. Il gesto che compie è quello di un bambino che deve ingoiare lo sciroppo cattivo, la medicina schifosa. Per un attimo ho pensato che il brodo fosse troppo caldo, il viso di Sabrina si sconvolge e sputa il boccone a terra con stile Bastianich, accompagnando il gesto con imprecazioni su quanto il suo sapore sapesse di selvatico. Mi porge la “tazza” sfidandomi ad assaggiarlo. Lo conosco bene il sapore del Tortellino ma, abbinato al Tartufo non l'ho mai assaggiato. Sarò sincero, avrei voluto vomitarlo a terra pure io, sapore sgradevole, rancido. L'odore del brodo troppo forte, ed il Tartufo questo sconosciuto. L'impasto del ripieno era... non so come meglio descriverlo... scombinato, dissociato, troppo invadente. Come si faccia ad abbinare ad un sapore così coprente l'aroma del Tartufo che si sposa con preparazioni semplici per esaltarne il profumo particolare. Peggio di così non potevamo iniziare. Voto... uno, anche perché il negativo non è ammesso.
Athena Giada inizia ad essere stanca di stare sdraiata nella sua carrozzina e vuole essere presa in braccio, mentre Alice Ginevra scorazza felice tra la folla con il suo cappello in mano. Così colgo l'occasione per vantarmi e per mostrare alla collettività il secondo gioiello di famiglia, strappando sorrisi e rubando commenti su quanto fosse bella Athena Giada. Se noi papà non ci autoincensiamo un po'... !
Sabrina prosegue nell'analizzare le varie ricette al fine di accertarsi di quello che sicuramente avrebbe gradito e, dopo il primo “assaggio” la sua disamina si fa molto più attenta. Così si prepara mentalmente per il suo secondo assaggio e, dopo l'ennesimo richiamo ad Alice Ginevra che rischia di perdersi tra la festante folla e la ricerca del tavolo del ristorante, raggiungiamo il secondo lato della piazza passando, purtroppo, davanti allo stand dove c'è il Tortellino di Coniglio in brodo di verdure e funghi, nel momento esatto in cui sollevano il coperchio del pentolone in cui il tortellino cuoce. Passi per l'idiosincrasia nei confronti del mangiare coniglio di Sabrina, ma il puzzo che proveniva da quel pentolone ha tolto a me la voglia di assaggiarlo e, a me il coniglio piace eccome.
Finalmente arriviamo al punto per il secondo assaggio. Antica Trattoria Sacerno: Tortellino Polpo e Patate. Qui la fila non c'è ed il piattino in plastica con relativa forchettina dello stesso materiale ci viene porta in pochi secondi, dopo aver assistito all'abilità dello Chef e della sua Brigata nello spadellare il piatto e nel comporlo in modo elegante, nonostante la “grezzitudine” del piatto di portata. Sabrina, questa volta, si è prima accertata di cosa ci fosse nel ripieno e poi lo ha addentato con sicurezza. Uno, poi il secondo e pure il terzo. Gli altri quattro li ha lasciati a me. Peccato che il freddo abbia troppo rapidamente raffreddato il tutto. Anche qui i sapori erano un po' troppo slegati ed il polipo un po' troppo duro e le patate un po' troppo cotte, ma tutto sommato l'insieme era soddisfacente. Utilizzando il primo “assaggio” come metro di paragone, abbiamo quasi raggiunto la sufficienza. Voto cinque.
Al tavolo a lato c'è il terzo ristorante da cui Sabrina vuole farsi tentare. Ristorante da Poggi: Tortellini di Orata e Branzino con sfoglia al nero di Seppia in crema di Cappesante scomposte, caviale di Peperone giallo e rosso in vela di foglia d'Ortica. Probabilmente qualche cosa non l'abbiamo capita durante l'assaggio, anche perché i sei tortellini sei, serviti e composti all'interno di una Cappasanta erano freddi ma, il colore giallo della pasta ci ha fatto presupporre che di nero di Seppia ne avessero usato veramente poco e che la vela d'ortica, complice sicuramente l'aria gelida era stata ammainata dato che non ne abbiamo trovato traccia. Comunque, nonostante fosse già tutto freddo, i sapori erano piacevoli, ma anche in questo caso dissociati, con poca amalgama. Ciò nonostante la sufficienza piena l'ha meritata del tutto. Voto sei.
Alice Ginevra continuava nella sua personale esplorazione insinuandosi dietro le cucine dei vari ristoranti facendo tremare noi e le varie brigate per la velocità con cui si spostava. Ora c'era, ora non c'era più. Una birba a tutto tondo. Peccato che l'aria gelida stesse arrossando troppo le guance di Athena Giada e dato che eravamo già in stato generale di salute cagionevole per i raffreddori delle due frugolette, dopo alcune foto di famiglia per la gioia di Alice Ginevra, siamo tornati in mezzo alla calca per fare quello che abbiamo deciso come ultimo assaggio, anche perché, la temperatura ci obbligava a preservare la salute delle piccole.
Trattoria Scaccomatto: Tortellini di Faraona in sfoglia di Funghi su crema di Castagne. Finalmente qualche cosa di veramente buono, degno di un commento decisamente positivo. La sfoglia sottile ed il ripieno di faraona decisamente bilanciato, molto piacevole. Il sapore della castagna e dei funghi si percepivano nel modo giusto, si abbracciavano in una piena voluttuosità. Sapori che rasentavano l'erotismo, un vero piacere per noi assaggiare il tutto e, veramente è il caso di sottolinearlo, quei sei tortellini, erano davvero pochi. Voto otto.
Sabrina ed io ci guardiamo attorno, vuoi per rintracciare con lo sguardo Alice Ginevra che sempre più sicura di sè continuava il suo slalom tra la folla e le cucine, vuoi perché la decisione di andare era già stata presa e quindi, il talloncino per l'assaggio di vino da 2 euro lo volevamo regalare a qualche viso simpatico che apprezzasse una cosa che noi continuiamo ad apprezzare poco e che, un certo Bottonelli, ci ha reso antipatico: il solo pensare di bere del Pignoletto. Oltre tutto avrei corso il rischio di trovarmelo di fronte e sarebbe stato difficile trattenermi dal dirgli in faccia tutto quello che penso di lui, della sua saccenza e della sua poca correttezza.
Viso simpatico trovato, talloncino regalato e, con un po' di fame ma tanto piacere per aver partecipato ad una bella manifestazione, ci siamo avviati verso casa, lo stomaco vuoto e la voglia ad iperbole di pizza.




*******************************



La torta che proponiamo è decisamente particolare, tenera nella sua consistenza, corroborante nel suo essere nutriente e molto apprezzata per il profumo donatole dalle spezie utilizzate. L'aggiunta delle gocce di cioccolato nasce per solleticare il palato di Alice Ginevra, amante del fondente.



SWEET POTATO PIE
TORTA DI PATATE DOLCI

Ingredienti:

Ingredienti per la pasta frolla:

300 gr di farina 00
2 uova
100 gr di zucchero
100 gr di burro
la scorza grattugiata di mezzo limone non trattato

Ingredienti per la farcitura:

600 gr di patate americane
2 uova grandi
120 gr di zucchero di canna
1 cucchiaino di cannella in polvere
1/4 di cucchiaino di noce moscata grattugiata
il succo di 1/2 limone
2 cucchiai di brandy
qualche pezzetto (o gocce) di cioccolato rigorosamente fondente
1 stampo a cerniera (noi ne abbiamo usato uno del diametro di 24 cm)



Il primo passo consiste nella preparazione della frolla. La andiamo ad illustrare brevemente. Dopo avere disposto la farina a fontana sulla spianatoia, uniamo lo zucchero, le uova, il burro a temperatura ambiente e la scorza di limone. Amalgamiamo il tutto, lavorando l'impasto fino ad ottenere un panetto sodo ed omogeneo.
Lo avvolgiamo nella pellicola e lo lasciamo riposare in frigorifero per circa 30 minuti.
Lo andiamo quindi a stendere con il mattarello, armandoci di pazienza e di farina.
Foderiamo lo stampo a cerniera con la nostra pasta frolla.
Mentre il panetto riposava in frigorifero ci siamo portati avanti con il resto della preparazione, ovvero con la cottura delle patate.
Dopo avere lavato, pelato e tagliato a tocchetti le patate, le facciamo lessare in abbondante acqua non salata. Una volta cotte a puntino (devono essere tenere) le riduciamo a purea utilizzando uno schiacciapatate oppure il frullatore, come nel nostro caso. Al composto di patate aggiungiamo il succo di limone, la cannella, la noce moscata, il brandy, le uova e lo zucchero e facciamo amalgamare bene tutti gli ingredienti.
Con questo composto andiamo a farcire la frolla all'interno dello stampo, livellandolo bene. Completiamo con qualche pezzetto di cioccolato fondente che andiamo a spargere sulla superficie e inforniamo a 180C per circa 45 minuti, fino a quando la superficie stessa risulterà dorata e la base ben cotta. Lasciamo raffreddare e tagliamo a fette.

46 commenti:

  1. Io sono anomala, adoro il grassetto del prosciutto e pure quello della carne alla griglia mentre per la mortadella non sempre la trovo di mio gradimento. Che bella la festa del tortellino mi ate venire voglia di partire alla ricerca di qualche bella festa d'autunno che fanno dalle nostre parti. Una torta dolce con le patate???? wow! Decisamente interessante ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La torta dolce con le patate è stata frutto di una ricerca in rete tra i dolci made in USA, dove le patate dolci sono un culto, l'idea della frolla è invece nostra.
      Laura, io scarto il grasso del prosciutto e di qualsiasi altra carne perchè non riesco a digerirlo, mi rimane sullo stomaco e finisce che poi vomito, è così fin da quando ero piccola, che la domenica mangiavo le frittelle della nonna fritte nello strutto e il lunedì ero a letto con febbre e vomito, poi sinceramente non mi piace il sapore del grasso che il mio palato riconosce come corpo estraneo. L'untuosità non fa per me.

      Elimina
  2. Un’emiliana che non ama tortellini e mortadella sembra sul serio un’eresia!
    Compito arduo fare da giudice proprio al festival del tortellino ma con tutte le delusioni del caso, il racconto è stato davvero simpatico. Immaginare Sabrina che sputa a terra il tortellino col tartufo mi ha fatto sorridere :)))
    Non ho mai assaggiato le patate dolci anche se puntualmente la tentazione di provarle torna a fare capolino. E tra gocce di cioccolato e spezie questa crostata sarebbe un valido motivo per cedere alla tentazione. Un bacione alle pupattole sempre più belle, buona giornata ragazzi ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federica, a dirla tutta io sono riminese, quindi romagnola, quindi abituata e amante dei CAPPELLETTI e non dei tortellini. Molti pensano che siano la stessa cosa, ma sono diversissimi, meno grassi e con un ripieno che non contempla nè mortadella, nè prosciutto, ma macinato di vitello, almeno quelli di casa nostra oppure del cappone.
      Mi è dispiaciuto sputare il tortellino, ma ti assicuro che mi è stato impossibile fare diversamente, un sapore più cattivo di quello mi è difficile immaginarlo.
      Le patate dolci sono state una rivelazione anche per me, mentre Luca le aveva già mangiate fritte.

      Elimina
  3. Questo post mi ha fatto venire voglia di tortellini.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cosa ci fa piacere, la stagione poi predispone ad un piatto del genere.

      Elimina
  4. Che racconto divertente ^_^ Le patate americane le ho mangiate solo fritte, chissà che sapore avranno nella tua versione...prima o poi ci provo ! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova e ne rimarrai conquistata. Un bacione.

      Elimina
  5. Amo la mortadella ed i tortellini, ma non il grasso del prosciutto...ovviamento la mia dolce metà non lo mangia se non c'è lo spesso strato biancastro a bordeggiare la fetta...:-)))
    Mai fatto un dolce con le patate dolci, anche perché qui non è che si trovino tanto...andrò alla ricerca :-9

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serena, anche Luca ama i tortellini, ma se deve dirla tutta preferisce i cappelletti, hanno un sapore molto più armonico, io sono di parte! LA mortadella per il mio palato è come ha scritto Luca, troppo grassa e preferisco il prosciutto crudo, lo speck o il salame (dal quale ovviamente tolgo i grassettini, golfetta a parte), anche se il meglio per me è la bresaola. Il grasso del prosciutto per riuscire a mangiarlo dovrei ingoiarlo come si fa con una medicina e poi starei male.

      Elimina
  6. A me piace il grasso del prosciutto, così quello della carne. Per la mortadello ho una venerazione, ahime... in genere per tutti i salumi.

    Deve essere stato bella la festa del tortellino, nonostante alcuni assaggi.
    La torta con le patate dolci non l'ho mai provata, mi ha sempre incuriosito.

    Le vostre bimbe sono sempre più belle. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so che la mortadella riscuote tanti consensi, così come il famoso panino con la mortadella. La festa è stata bella nonostante tutto, ovvero gli assaggi meno felici, anche perchè ciò che l'ha resa tale è stato lo spirito gioioso che l'accompagnava. Grazie per i complimenti alle pupe

      Elimina
  7. Wow, che manifestazione!!! Io adoro i tortellini, secondo me sono la più grande e gustosa invenzione della nostra cultura gastronomica!!! E che belle le vostre bimbe, davvero meravigliose!!
    La torta mi incuriosisce, le patate dolci non le ho mai utilizzate nè assaggiate....
    Franci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco Francesca, per me lo sono i cappelletti, ci sono cresciuta e ora ci sto facendo crescere anche Luca e la Pupattola. Sono il piatto che più mi rappresenta.

      Elimina
  8. da buona emiliana amo la mortadella e amo i tortellini ma anche io avrei un pò di titubanza nell'assaggiarli in gusti un pò sconosciuti!
    brava Sabrina che ti sei presta a questo sacrificio!!
    della torta che dire...buonissima e fortunatissima Alice Ginevra ad averla assaggiata!!
    un abbraccio grande bella famigliola!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I gusti sconosciuti hanno l'effetto di incuriosirmi, quindi nel mio caso ben vengano. Mi sono divertita, a parte i tortellini al tartufo che avevano il ripieno classico (che non amo), gli altri avevano ripieni vari, dal pesce alla faraona, il top quest'ultimo. Abbracci a te

      Elimina
  9. Luca sei troppo forte, mi hai fatto troppo ridere, io sono come Sabrina, scarto il grasso del prosciutto, non mi piace la mortadella, che mio marito adora e non amo particolarmente i tortellini anche se ho provato a farli e mi sono venuti buonissimi, quelli comprati dai, ha ragione tua moglie, sanno di stantio, :-) vi mando un bacione grosso a tuttissimi voi, la torta e' particolare, mi piace, da provare, le bimbe sono stupende come voi due!!!!Un mega abbraccio, con affetto Laura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh meno male qualcuno che mi capisce, che poi io il grasso lo scarto perchè non lo digerisco e non perchè voglio fare la fighetta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
      Baciotti

      Elimina
  10. Beh beh, un otto è sempre un bel voto nonostante l'imprevisto del raffreddamento del piatto. Non c'è di che lamentarsi quindi. Chissà le scarpe di chi avrà beccato sabrina col suo "sputo del tortellino", pensa che potrebbe persino diventare uno sport nazionale questa sua simpatica trovata. Io mi iscriverei da subito. Ciao a voi e alle bellissime pupattole scatenatissime.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quell'otto era meritatissimo, eccellenti quei cappelletti con ripieno di faraona!
      Lupo Cattivone, non ho beccato le scarpe di nessuno perchè mi sono spostata dove non c'era nessuno, cercando di non dare troppo nell'occhio e ho sputato quell'indigesto tortellino, era troppo dico troppo cattivo, mica come te che sei sempre dolcissimo! Baci

      Elimina
  11. ma che bella esperienza fare la giudice e immergersi in questa atmosfera...particolare e golosa anche la torta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima esperienza, davvero bella. Abbracci

      Elimina
  12. Ciao Luca, ciao Sabrina, ho letto tutto d'un fiato il resoconto dei vostri assaggi, ma come sarebbe che Sabrina non ama la mortadella? E toglie il grasso al prosciutto crudo? Eresia!!!
    Luca, mi sa che c'è tanto dell'omo in me, mai tolto grasso e sempre fatto mangiare ai figli, alla faccia del colesterolo, che continuano ad apprezzarlo anche utilizzato come base per alcuni piatti regionali! ;)

    Come sempre una puntuale e precisa recensione, la vostra, difiicile valutare i sapori, soprattutto in queste circostanze, ma noto che siete allenati a mantenere la concentrazione in tutte le situazioni, inclusa figlia che corre in geri!

    Siete davvero un mito, per me.

    Mai provato ad usare le patate dolci, mi fido dei vostri esperimenti...ma , un passo passo sui tortellini da queste parti lo trovo? ;)

    baci alle bimbe <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ehm sì, la mortadella non la mangio, quando la trovo in qualche ricetta che mi piace la sostituisco con altro. Il grasso del prosciutto lo tolgo con certosina pazienza, come ho scritto sopra non digerisco i grassi, mi provocano il vomito e quindi volente o nolente lo devo scartare e per fortuna la cosa non mi provoca dispiacere. Di solito il grasso che scarto lo mangia Luca.
      Tu sei sempre un tesoro, grazie per tutto.

      Elimina
  13. Ma quante belle donne alla festa del tortellino, Luca sei veramente fortunato, festa del tortellino a parte

    RispondiElimina
  14. A me i tortellini non piacciono, ma è andata a finire che mi avete fatto venire la voglia :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno male Serena, mi sento meno sola nel mio non amarli. Smack

      Elimina
  15. A Sabrina si perdona tutto! MA il non amare i tortellini, il grasso del prosciutto e la mortadella NOOO!! Cara Sabri, ti perdi molto del gusto pieno, avvolgente e succulento della vita! Ma tant'è! ti voglio bene lo stesso, anzi di + perchè ti considero come quei bimbi che ancora non hanno ben compreso cosa sia il buon mangiare...quindi, baby c'è speranza! e Luca è un buon maestro di persuasione!. ciao famiglia! baci x 4!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Antonietta, ma io mi consolo con un bel bis di cappelletti, che mi riempio il piatto fino all'orlo, con il brodo fatto a dovere, buono buono, mamma mia adesso mi fai venire voglia di farli! Luca è un buon maestro di persuasione, ma sulla questione grasso nulla può. Sono intollerante al grasso, non lo digerisco, vomiterei come mi è capitato più di una volta, quindi devo evitare, ma mi gusto lo stesso i piaceri della tavola, eccome!!! Mi hai fatto sorridere. Baci da 4 tutti per te.

      Elimina
  16. Confesso di non amare il grasso del prosciutto. Per la mortadella dipende...il profumo e' meraviglioso ma trovo che o si mangia appena tagliata oppure meglio passare ad altro. Purtroppo perde di gusto molto velocemente. Il tortellino invece e' buono altroche'. Fatto dalla nonnina bolognese di una mia amica poi e' godimento allo stato puro :-)
    Sinceramente sono rimasta un po' sorpresa nel leggere che molti ristoranti "di nome" abbiano proposto roba quasi immangiabile. Il problema e' che si cerca di strafare e inventarsi accostamenti strani. Molto difficile ottenere qualcosa che sia meglio della versione originale.

    RispondiElimina
  17. ho letto questo post tutto d'un fiato e mi veniva da ridere immaginando il tornado di Alice Ginevra in mezzo alla gente, eheheheh, praticamente il suo pane!!!
    fortissima!!!!!!
    Le patate dolci non le ho mai provate, sapete? Ci farò un pensierino......

    RispondiElimina
  18. Io ritengo che questo post sia, la peggior recensione unita ad altro che io abbia mai letto. In primis, le parole usate all'interno di questo post non solo offendono le persone che hanno lavorato al freddo, in piedi e per moltissime ore, ma offendono anche chi lo legge i suoi post. Credo che io abbia racchiuso il tema di questo post.. l'insoddisfazione personale della vita deve essere lasciata al di fuori di ogni comune post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno ha offeso le persone che hanno lavorato al freddo, abbiamo scritto che è stata una bella manifestazione, se poi secondo te avremmo dovuto scrivere che era tutto buonissimo allora sappi che mentire non ci viene così facile. Possibile che quando si deve parlare di una manifestazione dove si è andati a mangiare si debba puntualmente e superficialmente recensire il tutto con un "bello, bravi, buonissimo"? Ma esprimere la propria opinione è un reato così grave? Sono basita, ma ribadisco che noi non siamo capaci di spargere incensi a piene mani gratuitamente e se la sincerità delle nostre opinioni non stanno bene a qualcuno, quel qualcuno può cambiare canale con un click. L'insoddisfazione personale della vita forse appartiene a te, noi siamo innamorati della nostra vita. Buona giornata

      Elimina
  19. ma non ti vergogni a scrivere ste cose su dei professionisti che si sono impeganti per fare una bella serata come quella?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapendo benissimo chi sei (è bastato leggere quello che hai scritto), avresti fatto più bella figura se avessi commentato firmandoti con il tuo nome. Hai solo dimostrato per l'ennesima volta di essere dotato di una grandissima coda di paglia. Buona vendemmia

      Elimina
  20. Fortuna che parli di educazione ,peccato che a te manchi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Non mi vergogno perchè nessuno è intoccabile, professionista o meno che sia. Non mi vergogno perchè ho espresso solo la mia opinione, chi si deve vergognare sei tu che ti nascondi dietro l'anonimato, noi come vedi siamo a parlare alla luce del sole.

      Elimina
    2. PS del PS
      Tu che parli di educazione, ricorda che quando si entra in "casa" d'altri, la prima regola è presentarsi. L'educazione comincia da qui. Che tristezza non avere il coraggio nemmeno di firmarsi.

      Elimina
  21. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  22. mi incuriosisce la torta di patate dolci, e apprezzo la vostra scheittezza, credo sia lecito dire la propria impressione!

    RispondiElimina
  23. Grazie Francesca. La schiettezza per noi è sempre stata alla base di tutto, anche se è una cosa che dà fastidio. Baciotti e buon fine settimana

    RispondiElimina
  24. Fantastica questa torta...rubo la ricetta, grazie ragazzi!!!

    RispondiElimina
  25. copio questa golosità..... grazie!!!!!

    RispondiElimina

Chiunque è il benvenuto, dagli anonimi ai griffati....la porta di casa nostra è aperta a tutti, l'importante è il rispetto. Chi non ne ha sarà lasciato fuori assieme alla sua cattiva educazione!!!!
I commenti ci rendono felici.....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...