domenica 12 ottobre 2008

HOLDING BACK THESE SUMMER DAYS

RICORDANDO I GIORNI DELL'ESTATE, POSITANO E I NOSTRI FILETTI DI TRIGLIA ALLE ERBETTE E AL LIMONE

L'aria è già pervasa dai profumi dell'autunno, da una sfilata di colori appassionati che si spengono piano piano, mentre l'alito del vento corteggia il sole tra le foglie.

Il sole. Timida compagnia, in questi giorni d'ottobre. Timida, come la voglia di non chiudere ancora a chiave i nostri indumenti estivi, come la voglia di calzare ancora un paio di sandali, come la voglia di ricordare i giorni caldi dell'estate.

POSITANO

Seduti sulla veranda, Luca ed io accarezziamo l'idea di raggiungere Positano domani mattina. I colori del crepuscolo inghiottendo tutto l'arancio del tramonto, si sovrappongono l'uno sull'altro ed ogni cosa comincia ad apparire sfumata nei suoi contorni. Ceniamo all'aperto ed in penombra, le nostre voci sono quasi sussurrate, per non rompere quel silenzio trasparente che ci avvolge. La notte crea intimità, le emozioni precipitano tra le mani, come stelle filanti. I pensieri si fanno leggeri. Di profondo ci sono soltanto la notte e la fretta di vivere. Passeggiamo nella vigna, al buio, si è alzata una leggera brezza che diffonde intorno il profumo dell'estate, delle montagne, del mare.
Ci svegliamo abbastanza presto il giorno dopo, ma rimaniamo a rigirarci nel letto, pensando a quanto è bello poter peccare di pigrizia, ogni tanto.j
Afferro un grappolo d'uva e imbocco Luca con i chicchi più dolci, poi tocca a me e mi riempio la bocca finché ce n'è.
Succoso piacere che scende lungo la gola. Che ci trattiene sotto le lenzuola.
Ci crogioliamo per un po' dentro questo lusso per poi correre fuori e rimanere abbagliati dai raggi dorati del sole, che creano un alone accecante attorno alle cose. Tutto il paese è imbevuto di luce e di tranquillità, persino il tempo sembra scorrere lento. Ci fermiamo per un attimo davanti ad un forno a respirare l'odore del pane appena sfornato, caldo, fragrante, che ci riempie le narici. Poi da Tramonti scendiamo verso il mare. Una lunga fila di alberghi, di gente in costume da bagno, di negozi con la merce esposta fuori, nell'aria si respira la straripante energia del mattino e l'odore dolce di olio solare. Arriviamo sul lungomare, il traffico è impazzito, le strade sono intasate da interminabili code ed è tutto un brulicare di visi, di gambe, di piedi che ci inghiottono, ci rallentano.
Un enorme cartello giallo ci informa che una frana ha bloccato il tratto di strada che collega Maiori a Positano. All'improvviso mi sento come derubata, di una voglia, di un desiderio. Abbattuta guardo Luca e gli dico che dovremo cambiare programma. Ma lui trova la soluzione, l'unico modo per arrivare a Positano è via mare. "O ci andiamo a nuoto" mi dice "O con una canoa, una barchetta o un aliscafo, scegli tu!". Sono costretta a scegliere la seconda opzione per il semplice fatto che a nuoto mi bagnerei un po' troppo.
Così raggiungiamo la banchina del molo ed aspettiamo la barca che ci porterà ad Amalfi, da lì proseguiremo per la nostra meta. Entriamo in un piccolo bar e chiediamo due tazzine di nettare nero, caldo e forte. Gocce cremose scendono dalla macchina, la spremuta del buongiorno. Nella mente ho ancora i segni del letto, di sbadigli trattenuti. "Non avrai mica il coraggio di dire che hai sonno?" mi intima Luca. Sorride e con le sue labbra che si avvicinano alle mie, mette il silenziatore ad ogni mia possibile risposta.
Ci sediamo sugli scogli e restiamo lì, abbracciati e con le guance infuocate, ad osservare il sole riflettersi come uno specchio, in milioni di sfavillii, sull'infinita distesa d'acqua e a respirare fino a sazietà l'odore forte della salsedine. Mi perdo in pensieri inconsistenti come la schiuma. Mi perdo nella profondità del mare.

Voglio vivere la Vita nella mia vita, sapendo che non mi basta respirare. Un sorriso si posa sulle mie labbra. "A cosa stai pensando?" mi chiede Luca.
Let's follow our bliss..... Seguiamo la felicità......

Incorniciamo dentro una foto il volo dei gabbiani e poi veloci istantanee che ritraggono noi. Ci avviciniamo al molo, accanto ad una fila di pescherecci abbandonati, sembrano addormentati, sembrano vecchi, stanchi. Rughe di vernice scrostata che il mare lecca amorevolmente.
Eccola che arriva, saltiamo a bordo della nostra barca e già non vedo l'ora di partire; sul profilo di Luca si accende un sorriso quando gli dico che sono felice. Osserviamo la baia da un'altra prospettiva, sopra di noi le montagne splendono d'oro brillante, dentro agli occhi mi sembra di avere una lunghissima scia di scintille.
Ci lasciamo cullare dal movimento delle onde, da questa immensa distesa di blu che divora dentro sè tutto, che trabocca di una miriade di luccichii, increspata come seta spiegazzata, un tessuto morbido avvolto su se stesso, che guizza e che danza solo per noi. Allunghiamo la mano per toccare l'acqua, per toccare la schiuma, per toccare il rumore delle onde.
In lontananza intravediamo la banchina del porto, piccola e indefinita, come un miraggio.
Raccogliamo raggi di luce e ci facciamo toccare, scoprire, prendere, scorticare da tanta bellezza, troppo spesso è l'abitudine a rubare il nostro tempo, e la mediocrità è la paga che riceviamo.
Arriviamo ad Amalfi e da lì saliamo sulla motonave diretta a Positano. Ci aspetta ancora un altro tratto di mare aperto. Ci sediamo a prua, Luca ed io, davanti a noi una distesa sconfinata verde-blu. La bambina che è in me si aspetta di vedere da un momento all'altro, un delfino ergersi dalla profondità delle acque, si immagina cavallucci e stelle marine, relitti nascosti negli abissi, preziosissimi coralli che pulsano aggrappati alle rocce. Luca ride di questi miei pensieri e mi stringe forte a sé. L'aria fresca ci ubriaca, ci sentiamo due puntini innamorati in mezzo al mare, a respirare l'alito del cielo. Emozioni che prorompono dirette al cuore e lo frugano, lo scoprono tutto, mentre in lontananza Positano si sta aprendo in un lento, avvolgente abbraccio.
Se lo sapevo quella mattina me ne sarei rimasto a letto. Uva fresca per colazione, chicchi grandi, croccanti, dolci. Sarei rimasto sul letto a scherzare. Sotto o sopra le lenzuola a giocare, stuzzicarci, ridere. Poi, la discesa a Maiori. Scendiamo dal pullman ed iniziano le discussioni. Sabrina sa come demoralizzarmi. Sul suo volto si dipinge la malinconia, la delusione. Incomincia con i suoi cosa facciamo, dove andiamo, ora torniamo su e prendiamo la macchina ma poi dove si va, come si fa, perché non c’è un’altra strada. Il suo viso diventa sempre più scuro e non per l’abbronzatura che ormai l’ha resa un cioccolatino, una gustosa pralina.Ma che ca..volo siamo al mare e siamo in costiera…..mare…..costiera…. Ma certo la soluzione è via mare. L’unica paura è che non conosco nè gli orari, nè i tempi di navigazione. Per fortuna la soluzione è a poche centinaia di metri da noi. Il Molo. Fatto! Biglietti in tasca e fra un po’ arriva la barca per Amalfi e poi da lì c’è quella per Positano. Oggi è Ferragosto e la giornata dovrà diventare bellissima. Sabrina sorride. Sabrina è rinata. Bellissima giornata ma a noi Positano non è piaciuta molto. L’abbiamo vista, purtroppo, solo come una attrazione turistica, dove tutto è per i turisti, dove l’immagine conta molto più della qualità del vivere.
Ogni centimetro quadrato, partendo dal bagnasciuga è coperto da ombrelloni. Ombrelloni di classe però. Ombrelloni VIP, Ristoranti VIP, prezzi VIP. La gente a caccia del VIP, del VIP che mangia in prima fila. Il VIP che si mostra mentre mangia aragosta e coquillage, che ringrazia il gestore del locale con una pacca sulla spalla e che saluta il pubblico quando va via. E…la ricevuta? Eppure abbiamo assistito un bel po’ al triste spettacolo della gente che si dava gomitate indicandoli come se li stesse guardando in televisione, a quelli che cercavano di avvicinarsi per un autografo ed a quelli che invece ci riuscivano. E loro lì, che sorridevano facendo finta che il mondo fosse solo al loro tavolo. Invidia la nostra? Forse sì. Decidiamo di andare a fare un giro per il paese ma anche lì, per le piccole stradine, i piccoli angoli privati abbiamo avuto la sensazione del tutto per i turisti, per le loro foto, per i loro ricordi. Nulla è fuori posto. Anche i profumi sembra che seguano una logica precisa. Tant’è che il languorino ci assale. Ma sì, andiamo a mangiare e poi una telefonata a Velia che ha detto che oggi è da queste parti. Magari ci si incontra per un buon bicchier di vino. Passeggiamo per tutto il lungomare, praticamente entrando ed uscendo dai ristoranti. Leggiamo i menù e continuiamo a camminare fino all’ultimo ristorante della spiaggia. Lì finisce il mondo di Positano. Oltre a piedi non si può andare.
Si torna indietro fino a che la fame non sceglie il locale. Ci dicono che c’è da aspettare un po’, una mezz’oretta. Il tocco dei luoghi VIP ci voleva proprio. Ci fanno accomodare sotto un gazebo in spiaggia, con tanto di bottiglia d’acqua fresca in un cestello per campagne pieno di ghiaccio e qualche stuzzichino. Un “addetto” ci chiedeva in continuazione ma mai con assillo se volevamo bere, se volevamo….ma noi volevamo andare a mangiare. Bella giornata. Purtroppo Velia non era rintracciabile e comunque il traghetto non ci avrebbe aspettato oltre. Un ritorno tra le rocce a picco della costiera ed un mare color cobalto, parlando del concerto che in un qualche modo avremmo visto o almeno sentito la sera stessa a Ravello. Arriviamo all’Agrigriturismo e ci mangiamo un po’ della frutta che ci era rimasta dalla colazione mattutina, qualche biscotto e qualche bacio. Sabrina si prepara. I biglietti, se facciamo a tempo, li prendiamo là. Tanto per cambiare nessuno dei due si ricordava a che ora iniziava il concerto ma dato che in città prima delle nove e mezza non iniziano mai, ci abbiamo provato. Sabrina si mette un abitino rosso decisamente fashion. Peccato che quella sera faccia decisamente troppo fresco, anzi direi proprio freddo. Arriviamo ed il concerto di Wim Mertens è già iniziato. Peccato, ma lo avevamo messo in preventivo ed allora proviamo a goderci la sua musica dalla terrazza sopra il golfo di Amalfi. Faceva veramente freddo. Sabrina nonostante il gelo sembra rapita dalla musica ed io, devo essere sincero, nonostante la musica la apprezzi di qualsiasi genere, il suo, almeno per i brani che sono riuscito a sentire, non mi rapiva allo stesso modo di Sabrina. Dirò di più…una discreta palla anche se in certi passaggi apprezzavo molto certi suoi silenzi. Ma sì, una bella giornata ed una bellissima serata. A parte il freddo!
Posso chiedervi un consiglio?
Ho convinto Sabrina a mandare in pensione la sua Golf Rossa di 19anni.
Ora vorrebbe dare un nome alla nuova in arrivo. Cosa ci suggerite?
Ma.....secondo voi cosa ha scelto, che modello tra tutte le auto in commercio?




FILETTI DI TRIGLIA ALLE ERBETTE E AL LIMONE


Ingredienti


400 gr di filetti di triglia
basilico
maggiorana
15 gr di farina
2 spicchi d'aglio
olio extravergine d'oliva
una generosa spruzzata di brandy
1 pomodoro
2 cucchiai di capperi
la scorza di un limone
sale e pepe


Stasera mangiamo pesce, metto in frigorifero una bottiglia di vino bianco e di corsa al supermercato, reparto pescheria. Decido di acquistare dei filetti di triglia, è da tanto che non li cucino e poi hanno proprio un bell'aspetto. Una volta a casa, li lavo, li asciugo e nel frattempo arriva Luca. "Amore che bello che sei arrivato, come stai, oh ma sei tutto sudato, che ne pensi di questi filetti di triglia?"
Passiamo i filetti di triglia nella farina, nel frattempo in una padella facciamo rosolare uno spicchio d'aglio in un filo d'olio extravergine d'oliva. Uniamo il pesce e lo facciamo rosolare per un minuto da ogni lato. Aggiungiamo il brandy e lasciamo evaporare. Regoliamo di sale e pepe e trasferiamo i filetti in un piatto. Nella stessa padella, con un po' di olio, versiamo i pezzetti di pomodoro, i capperi e lo spicchio d'aglio. Facciamo cuocere per qualche minuto e poi aggiungiamo i filetti di pesce. Un paio di minuti ed è pronto. Impiattiamo cospargendo le triglie con basilico, maggiorana e la scorza di limone tagliata a julienne.
E' un piatto semplice e veloce, ma ricco di profumi e al tempo stesso delicato. L'abbiamo accompagnato con un ottimo Mionetto, un prosecco di Valdobbiadene.

Premio miglior cuoca suggeritrice ricevuto da Manu e Dario,

Con gioia segnaliamo a:

JaJo, Nino, Glamah, Paola, Cookingmama, Silvanausa, Imma perchè ogni loro ricetta ci delizia i sensi, sopra e sotto.

52 commenti:

  1. Ma perchè mi fate questo? Non posso resistere alla combinazione sole, mare e pesce. Noooooooooooooo! Voglio l'estate!
    Per la macchina io scelsi una c2 rosso diavoletto e dato che sono una mucca l'ho chiamatta vaccacar :) Ora non so se a Sabrina questo nome piuacerebbe... :p

    RispondiElimina
  2. Mucchina, anche noi rivogliamo l'estate, anche una sola intensa settimana d'estate, poi saremmo pronti anche per la neve!
    No, non ho scelto una C2 e quanto al nome....aspetto altri suggerimenti
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  3. grazie grazie...un po' di sole ch ea me i colori che si spengono mi mettono malinconia...e a volte mi sento sola a combattere contro il grigioumido.....secondo me a positano ci dovete tornare in tempi non sospetti....ad esempio adesso??? Adesso non ci saranno frotte di turisti no? ...per la macchinina di sabrina....non si puòòòòòòò...prima devi avere tra la mani il gioiellino e poi quando lo capisci lo chiami!! un bacione

    RispondiElimina
  4. Che belli i ricordi dell'estate...e che bella Positano!!
    Gustoso anche il piatto!!
    bacioni

    RispondiElimina
  5. Manu&Silvia, che belle le vacanze, che bello il sole e che bello andare a letto tardi la notte, ora invece siamo in quella fase che assomiglia al letargo, è più dura alzarsi al mattino e a mezzanotte al massimo crolliamo!

    Lo, hai sicuramente ragione, andandoci ora si riuscirebbe a godere del paesaggio, cosa che ad agosto è stato impossibile, era quasi nascosto in una sorta di bolgia infernale!
    La macchina arriverà questo fine settimana, avrò persino paura a guidarla!
    Baci a tutti da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  6. Grintosa ...la chiamerei grintosa...come Sabry ;)

    Mi avete portato in quei posti che esidero visitare da tempo ma con i bimbi piccoli come si fa ????

    Ottimo il pesce, siete sempre colorati e golosi. Un bacio e buona settimana.

    RispondiElimina
  7. Emilia, grintosa suona bene, grazie di questo bel complimento!
    Siamo colorati? Fino a che ci sono i colori ci intingiamo le mani!
    Ti avremmo portato volentieri con noi, con i bimbi ovviamente!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  8. bellissima positano.....e gustosissimi i filetti di triglia:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  9. Annamaria, grazie!!! Ti abbracciamo forte!Buon inizio settimana.
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  10. Ragazzi, sono stata a Positano, ma mi sembra di averlo visto oggi per la prima volta, attraverso le vostre foto e i vostri racconti... Ma come fate? :)
    Complimenti anche per la ricettina.
    Un bacio e buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  11. Danea, sei molto dolce, grazie!
    Un bacio
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  12. Wowowowowoo.... era come essere insieme a voi!!!!!!
    Vi adoro sempre di più!!!!! Mi fate sognare
    Un mega bacione

    RispondiElimina
  13. Bella la descrizione della vostra giornata vista da "lui" e da "lei"!
    E interessanti anche le triglie, non le ho mai fatte, né così, né in un altro modo... Ci proverò :-)

    RispondiElimina
  14. Bel racconto, fa venire nostalgia dei colori e dei profumi dell'estate!
    Per la macchina io la chiamerei Camomilla, perchè col traffico che c'è a bologna bisogna essere mooolto rilassati ;P
    Un bacio e buona settimana
    FRa

    RispondiElimina
  15. siete bellissimi!!! vi abbraccio!!!!

    RispondiElimina
  16. Che buone che sono le triglie!!!!bellisaimo post come al solito:))))Positano ad agosto è un bel casino in effetti, pensate che io in genere ci vado a novembre....grazie mille per il premio, siete carinissimi!!

    RispondiElimina
  17. che dire ?? soave carezza ..a volte anticipa dolci sorprese...bellissimo raccconto del vostro viaggio e pre finire una ricetta subito subito da copiare !!un saluto e ma come si chiamerà ... l'auto ?

    RispondiElimina
  18. ma neanche un aiuto ... basandomi sull'ispirazione del piccolo mandarino opterei per arancia meccanica ... notte

    RispondiElimina
  19. Morettina, l'adorazione è reciproca!

    Onde99, benvenuta da noi! In effetti a noi piace scrivere così, a due mani o per meglio dire quattro. Le triglie sono molto buone, ma anche molto spinose, coi filetti il problema è risolto. Questo piatto è gustoso!

    Fra, bella idea Camomilla, ci hai fatto sorridere, ma soprattutto quanto hai ragione, col traffico che c'è a Bologna c'è da essere molto rilassati alla guida! Baci.

    Manu, grazie, abbraccio ricambiato!

    Paola, eh sì, le triglie sono una bontà! Quanto a Positano e dintorni, deve essere bello andarci a novembre, deve essere suggestivo!

    Caty, sei una meraviglia!!!

    Baci e buonaserata a tutti da
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  20. Ciao Cari!!! =(^.^)=
    Grazie per essere passati a trovarmi e per il bellissimo commento! ^__^
    Mi piace questa ricettina e me la segno :P
    Secondo me Sabrina ha scelto la Y color panna e potrebbe chiamarla "Piccolo Bignè" :DDD
    Baci e Buoni Sogni!

    RispondiElimina
  21. Mi fate tornare la nostalgia dell'estate, la voglia di girare il mondo e mangiare pesce fresco appena pescato! E siamo solo ad inizio autunno!

    RispondiElimina
  22. ottimo pescolino!!!!! buona settimana ragasuoliii!!!!!!!11

    RispondiElimina
  23. che voglia di mare e di sole!!!!!!!!!!!

    E anche di queste triglie!!! Buonissime, da provare.....un abbraccio ragazzi!!!

    RispondiElimina
  24. weeeeeeeeeeeeeeee ma che foto sexy! io ho il fidanzato siculo geloso che quando metto una scollatura pazzia, figuriamoci a caricare foto su internet (non lo farei cmq)...quindi....invidio da morire a Luca! che non è geloso in senso lato! e a Sabrina che ha il coraggio che io non avrei! vive l'amour e vive le triglie che so troppo buone :))))))

    RispondiElimina
  25. La c3 gold?no eh?ghgh..il nome dipende dalla macchina..ma visto la sensualità della Sabry io la chiamerei Sexmachine!
    Io ho una c3 verde pastello e l'ho chiamata "ranona", vi lascio immaginare come sono fatta io, quindi! :-p

    RispondiElimina
  26. grazie del premio! che coraggio, però a mandare in pensione una golf di 19 anni... Io non l'avrei mai fatto! Il punto è che oggi non girano più auto affidabili come una volta, quindi una golf del nuovo millennio non cavalcherebbe così tanto come ha fatto la tua "vecchia". BACI
    cOOKINGmAMA

    RispondiElimina
  27. Io preferisco l'autunno... non sopporto il caldo torrido!!!

    Buona serata Clelia

    RispondiElimina
  28. Gatadaplar, che dolce che sei! Piccolo bignè mi piace tanto, però non è una Y! Grazie di essere entrata chez nous!

    Raffaella, per noi è lo stesso e siamo solo ad inizio autunno, non ci resta che innamorarcene follemente!

    Maya, buona settimana, anzi splendida, anche a te!

    Ciboulette, le triglie cucinate in questo modo sono veramente buone, ce le siamo proprio gustate!

    GraGrà, Luca è geloso eccome, ma non mi impedisce di indossare quello che mi sento, il più delle volte è lui che mi consiglia quando facciamo spese. Queste foto, come tutte, le abbiamo scattato giocando, essendo noi stessi, è una bella sensazione essere se stessi, lo spirito del nostro blog è tutto lì! E le triglie sono prprio buone!

    Nightfairy, sei fantastica! Sexmachine me l'appunto, si addice anche alla macchina che ho scelto,ma non è una C3! Bella la tua ranona, piuttosto originale per il colore!
    Sexmachine.... la prenderò in considerazione.... ma non suona troppo vanitoso?

    Cookingmama, mi piange il cuore al pensiero di mandarla in pensione, funziona a meraviglia, ci sono affezionata come se fosse qualcosa di vivo, MA con le leggi sulla circolazione, sarei a rischio multa ogni giorno, ho 10 km da fare per raggiungere il posto di lavoro e l'impossibilità di usare i mezzi pubblici perchè la mattina inizio il turno a volte anche alle 6 e le corse iniziano quasi un'ora dopo! Non prenderò un'altra golf, è in arrivo qualcosa di bello, ma la mia vecchia auto mi mancherà tanto!

    Baciotti sparsi a tutti!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  29. Clelia, anche noi amiamo l'autunno, ma ancora non ci siamo abituati al cambiamento climatico e l'estate ci manca!
    Baci by Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  30. Ragazzi siete strepitosi! Grazie per le bellissime foto,...le triglie? Ne avverto il profumo sin qui! ^__^
    Buon inizio settimana,
    Stefano

    RispondiElimina
  31. siete belli e il vostro amore è bello! godete di voi ed della vita, non c'è di meglio,

    un saluto di enjoy da papavero

    RispondiElimina
  32. Stefano, ce lo ricordiamo ancora quel profumo! Buonanotte e un bacio.

    Papavero di campo, grazie di cuore per quello che hai scritto!

    Buonanotte a tutti!
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  33. positano è un colpo basso, un posto magnifico, io sabrina la vedo bene su una ferrari california rossa o una bella cabriolet il nome: go on sabry

    RispondiElimina
  34. uauuu, che posto magnifico!
    Mare, sole..buona cucina...quanto è bella l'Italia!!!

    RispondiElimina
  35. ciao, bellissima vacanza, bellissimo piatto....che nostalgia dell'estate!!!!......ps..grazie della visita da me.....a presto claudia

    RispondiElimina
  36. Sono a ringraziarvi per le bellissime parole che mi avete scritto sul post dei Pici, grazie mi avete dato gioia ed ora siete voi che mi fate sognare con queste foto meravigliose, quanto vorrei esserci. Ci simo passati l'anno scorso é un posto paradisiaco e chissà ora quando potremo tornanrci.

    Il piatto che avete preparato é delizioso,semplice, proprio cosi' come và cucinato un buon pesce fresco.Complimenti
    Mariluna

    RispondiElimina
  37. Positano è già bellissima di se'..... ma voi con le vostre foto l'avete resa ancora più bella!
    è sempre un piacere leggervi (e gustare con gli occhi le buone ricettine che postate).
    un bacione

    RispondiElimina
  38. Queste spezie abbinate al filetto di triglia mi intrigano molto...
    baci

    RispondiElimina
  39. Mi avete fatto venire la voglia di mare!!!!!!
    La ricetta è stupenda, come Positano e le foto :-)
    Complimenti, a presto!!

    RispondiElimina
  40. Difficile scrollarsi di dosso il tepore delle giornate estive... oggi Pisa era tutta grigia, che tristezza......
    ottimi i pescetti...
    ^___^

    RispondiElimina
  41. Mi avete molto divertita col vostro racconto! La costiera amalfitana è una perla, ma per averla bisogna pagare uno scotto..conosco molto bene quei luoghi!

    RispondiElimina
  42. Manu del blog http://dadomanumarcolucachiara.blogspot.com/ ha ideato una raccolta molto interessante...in questo periodo dell'anno sfido chiunque a non essere interessato a ricettine dietetiche...passa da lei e partecipa anche tu alla raccolta...:-)
    Annamaria

    RispondiElimina
  43. un caro saluto che oggi è proprio una giornata grigia e un po' del vostro sole fa' bene!!!..a leggere bene mi sa che a volte iniziamo il turno alla stessa ora!!!ciao :-)

    RispondiElimina
  44. I vostri racconti di viaggio, di vita e le ricette che postate sono sempre un toccasano per il cuore e l' animo!
    Vi abbraccio...
    Laura

    RispondiElimina
  45. Ehi ciao Sabrina carissima, dai avvicinati che ti dò un baciotto, ehi Nino ciao, ahhhhh Luca, ma ci sei, pensavo che eri fuori, ( ma vedi questo, invece di andare a lavorare, stà in casa ) no, caro Nino, oggi sono in casa ( e io che ho fatto passare dei giorni per venirli a trovare, con la speranza che non ci fosse, vabbè, niente ) ah si dicevi delle foto, ma sono bellissime, ce ne sono alcune, veramente meravigliose, si in special mod quella, siiii, quella con le perline, si si proprio quella, ho cercato di contarle, ma dopo un po, la vista, sai comè, non funziona più tanto bene, dicevi Luca!!!! si hai ragione è l'età, vabbè, se lui dice che è l'età, ma sarà, ah si poi ci stà pure quella con il sandalo, bel modello, senza tralasciare quella con il rombino nero a pois bianchi, ehhhh anche quelli, anche se pochi non sono riuscito a contarli, mi si annebbiava a vista.
    Dai che siete forti, bel racconto e bellissimo reportage fotografico.
    Ciao Ragazzi.
    BACIONI
    Nino

    RispondiElimina
  46. Susina, anche noi avremmo bisogno di tepore, negli ultimi giorni il tempo è stato magnifico, un gran caldo, ma sono sottosopra perchè il mio computer è andato in crash, Luca è riuscito a farlo ripartire facendo un backup, ma il programma interno di HP non mi ripristina il backup e questo significa che tutti i miei file, compreso materiale per il blog sono chiuse dentro un file fbw che non si riesce ad aprire. Conosci qualcuno che ci può aiutare? Mi viene da piangere al solo pensiero di non riuscire a ripristinare i files e Luca sta impazzendo a cercare soluzioni in Internet, ma pare che nessuno sappia come risolvere il problema. Ci sai aiutare o conosci qualcuno che possa?
    Baci disperati da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  47. Sciopina, vale la pena pagare lo scotto a volte! Un bacio.

    Annamaria, andremo da Manu a vedere la sua iniziativa, anche se questo è un brutto momento, abbiamo tutti i file del mio computer bloccati dentro un programma che non si apre!

    Caty, grazie della visita, della tua presenza, significa molto!

    Laura, anche le tue parole sono un toccasana per noi!

    Nino, siamo soli in questo momento, volevo solo dirti che..... il tuo fascino, il tuo charme e il tuo savoir faire (avrei voluto scriverlo in spagnolo, ma mi sfugge il termine), bucano il monitor del pc! Sei grande!!! E Luca mi dice di aggiungere che ti vogliamo bene!

    Buona serata a tutti, noi la passeremo cercando di risolvere i problemi di ripristino dati.
    Kisses by Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  48. ragazzi siete bellissimi!!!
    un'abbraccio!

    RispondiElimina
  49. ma che cose favolose!!!
    siete incantevoli ;)

    RispondiElimina
  50. eccomi ragazziiii!!!! ho avuto un pò da fare e ho trascurato le visite ai miei amici! raga' mi fate accapponare la pelle quando vi leggo! è bellissimo che parliate così dei vostri sentimenti e dei vostri pensieri e emozioni...sapete, il denso è un pò orso, molto riservato e geloso della sua intimità e io devo rispettare la sua privacy...baci e abbracci!!!!

    RispondiElimina
  51. Che belel immagini a me care e familiari, anche se e' un secolo che non ci vado!!!
    E grazie mille del premio! Adoro gli gnometti!!!!

    RispondiElimina
  52. Praticamente eravamo ombrellone ad obrellone....ed io avevo il cellulare che non funzionava.
    Pochi metri ci dividevano...che peccato! Concordo con voi che Positano rimane troppo mondana e spesso non si adegua ai cambiamenti UMANI e FISIOLOGICI.
    So che quest'anno la crisi è stata avvertita....ahiaaa
    Anyway (come direbbe il mio Gian)le foto sono stupende ed il connubio mare, pesce e vacanze è invincibile. Il posto che avete fotografato è il MUSIC ON THE ROCK discoteca, ristorante piano bar meta di vip e vippazzi e non solo.
    Io ho lavorato lì nel 2002 e ho un bellissimo ricordo di tutti. Infatti quando siamo tornati questa estate sembrava una mega festa....persino il povero Fargetta s''è sconvolto per il macello che abbian fatto. E' scappato....ahhhhhh
    Spero che il pc si aggiusti presto....il mio oramai era fumato dopo le vacanze, ho recuperato l'hard disk ma tante cose le ho perse per strada. Ho impiegato duei mesi circa per riportare tutto alla normalità ed ancora non è finita. Un abbraccio fortissimo ad entrambi....siete stati due soli che hanno illuminato la spiaggia grande...

    Un bacione

    RispondiElimina

Chiunque è il benvenuto, dagli anonimi ai griffati....la porta di casa nostra è aperta a tutti, l'importante è il rispetto. Chi non ne ha sarà lasciato fuori assieme alla sua cattiva educazione!!!!
I commenti ci rendono felici.....

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...